Le case e i palazzi

Le prime abitazioni etrusche, risalenti all'Età del Ferro, erano delle semplici capanne di forma variabile (ellittica, circolare o rettangolare). Realizzate con materiali deperibili (legno e mattoni cotti al sole), non si sono conservate: le uniche testimonianze giunte fino a noi sono i fori per i pali di sostegno. Le urne cinerarie a capanna, che ne riproducono in scala ridotta la struttura, permettono tuttavia di farsi un'idea di come dovevano apparire.
Le prime dimore costruite sui basamenti in pietra, risalgono al VII secolo a.C. e sono testimoniate dai rinvenimenti di Acquarossa (presso Viterbo). Qui le case, come dimostrano le ricostruzioni, avevano il tetto coperto da tegole in terracotta, una delle quali presentava un foro circolare, coperto da un disco mobile, per lasciare uscire il fumo dal focolare. Il tetto poggiava su una trabeazione, retta nel senso della larghezza dalla muratura e, nel senso della lunghezza, da una lunga trave centrale. Sulla sommità del si trovano figure di terracotta, gocciolatoi a testa di animale e antefisse. Più tardi compaiono abitazioni dette case ad atrio, perché dotate di ambienti disposti attorno a un cortile interno, dove in una vasca che comunicava con il pozzo veniva raccolta l'acqua piovana. Scavi effettuati a Marzabotto (vicino a Bologna) hanno dimostrato l'esistenza di abitazioni a due piani, con magazzini e vani di servizio al piano terra e la dimora privata al piano superiore.
Osservando le decorazioni parietali di alcune tombe è possibile ricostruire l'aspetto dell'arredamento, degli utensili e del mobilio delle case etrusche. Il vasto ambiente sepolcrale della Tomba dei Rilievi di Cerveteri, della seconda metà del IV secolo a.C., offre uno straordinario esempio di abitazione dell'epoca: gli stucchi sulle pareti raffigurano arredi e utensili di ogni genere, dipinti con l'idea che il defunto potesse usarli nella sua vita ultraterrena.
Al periodo compreso tra il 630 e il 530 a.C. risalgono alcuni palazzi appartenenti ai principes etruschi, come quelli di Murlo (presso Siena) e di Acquarossa. Hanno una pianta quadrata, con ambienti che si affacciano su un ampio cortile interno circondato da porticati con colonne. Sul tetto del Palazzo di Murlo erano poste delle statue acroteriali; terracotte architettoniche, in origine dipinte, decoravano l'esterno dei porticati con i temi cari alle classi d'élite: secondo un'ipotesi interpretativa rappresenterebbero l'assemblea di dèi e antenati, processioni mstrimoniali, cavalieri e banchetti.
Hai bisogno di aiuto in Epoca Classica e Pre-Classica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email