Sapiens Sapiens 12776 punti

La Basilica di Massenzio - Descrizione


All’epoca romana, il termine “basilica” aveva un significato diverso da quello moderno. Per noi il termine è legato alla religione cattolica e ci fa pensare ad una enorme chiesa adibita quindi ad edificio di culto. Per i Romani, invece, la “basilica” era un edificio di carattere civile., anche se non mancano alcune rare eccezioni. Le grandi basiliche erano edifici di riunione per scopi commerciali e, a volte, anche giuridici. Infatti, all’interno si potevano tenere le sedute dei tribunali oppure vi potevano essere collocati i banchi per il cambio di valuta. Quindi la basilica pagana era un luogo polivalente che solo in seguito, quando il culto cristiano fu ufficializzato, diventò il luogo più adatto per ospitare una riunione di fedele, la “ecclesia”.
La basilica era un edificio allungato, di forma rettangolare con un’abside semicircolare ad un’ estremità ed era diviso in tre navate. La basilica di Massenzio, che risale al III secolo a.C., è importante per le dimensioni e per il fatto che si pone nel periodo di transizione fra il periodo pagano ed il periodo cristiano. La grande navata centrale raggiungeva 35 metri di altezza ci fa capire le straordinarie capacità architettoniche dei Romani.. Mentre le navate laterali erano coperte da tre voile a botte, quella centrale era costituita da tre grandi coperture a crociera. All’origine, Massenzio aveva progettato il complesso architettonico con l’ ingresso di fronte all’ abside; Costantino, il suo successore e vincitore, modificò tale progetto e fece aprire l’ingresso su uno dei lati più lunghi. Facendo corrispondere al nuovo ingresso un nuovo abside.
E’ importante sottolineare come le basiliche cristiane si sono riallacciate più o meno direttamente alla tradizione edilizia romana classica (es. primo progetto di S. Pietro o S. Giovanni in Laterano). La differenza fondamentale fra la basilica pagana e quella cristiana sta nell’ingresso: nella prima, esso si apre sul lato lungo e consente a chi entra di collocarsi liberamente all’interno dell’edificio mentre nella seconda, poiché l’ingresso si apre sul lato più breve, il fedele è costretto dirigersi verso l’abside e quindi verso l’altare che è considerato il centro spirituale della chiesa.
Delle decorazioni della Basilica di Massenzio non rimane nulla, se non la testa di una statua raffigurante l’imperatore Costantino che da sola misura più di due metri e mezzo. Essa era stata collocata nell’abside aperta nel centro della navata settentrionale, l’unica che oggi è rimasta.
Hai bisogno di aiuto in Epoca Classica e Pre-Classica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email