Ominide 103 punti

Architettura etrusca civile, religiosa e funeraria


L’architettura etrusca civile si può riscontrare nelle capanne, nelle mura e nelle porte di accesso alla città. Le prime capanne avevano pianta circolare ed ovale, solo successivamente anche rettangolare. La loro struttura è costituita da pali di legno verticali intrecciati con canne e pali più sottili. Il graticcio così formato è rivestito di paglia e argilla, così come il tetto in legno. Le città sono generalmente circondate da mura: esse sono realizzate a secco (senza malta o altri leganti) in tufo o pietra calcarea. Le pietre venivano sagomate a forma di parallelepipedo e poste in opera a filari isodomi (la giuntura tra gli elementi di ciascun filare corrisponde al centro del blocco sotto e sopra di esso). Le porte invece sono prima architravate ma in seguito assumono caratteristiche monumentali e sono realizzate con strutture ad arco semicircolare (a tutto sesto). L’architettura religiosa è espressa dai templi, che non si sono conservati poiché erano costruiti con legno mattoni e terracotta, ossia materiali facilmente deperibili. Grazie al De Architectura di Vitruvio sappiamo che avevano pianta rettangolare, un alto basamento in muratura detto podio e una ripida scalinata frontale. L’interno era diviso in una zona posteriore coperta, a sua volta divisa in tre celle contenenti le statue della divinità, e in una zona anteriore porticata. Le colonne, appartenenti all’ordine tuscanico erano sempre otto realizzate in legno. I motivi decorativi erano principalmente acroteri e antefisse in terracotta con funzione apotropaica. La architettura funeraria è la prediletta dagli etruschi e si riscontra nelle tombe (costruite in pietra) ipogee, a tumulo e a edicola. Le tombe ipogee sono scavate completamente sotto terra o nel fianco di una parete rocciosa, in grotte naturali (tombe rupestri) o realizzando cubici ingressi monumentali (tombe a dado). Le tombe a tumulo sono ricoperte da una collinetta di terra ricca di vegetazione. Sono generalmente a pianta circolare e sostenuti da coperture che poggiano su una struttura cilindrica, solitamente in tufo (tamburo). Ogni tomba a tumulo si articola in una o più camere sepolcrali. Le tombe a edicola, costruite unicamente in pietra, sono una rarità nell’architettura etrusca. Hanno piccole dimensioni, un’unica camera e somigliano a un piccolo tempio (aedicula in latino significa piccolo tempio) e di conseguenza anche a una casa. Una sola costruzione unifica quindi il senso della vita, della religione e della morte.
Hai bisogno di aiuto in Epoca Classica e Pre-Classica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email