Ominide 11266 punti

Il secolo di Augusto


Il secolo di Augusto vide fiorire le arti largamente protette dall’imperatore e da Mecenate. Nelle lettere si distinsero: Virgilio, autore della “Eneide”, il poema epico che racconta le leggendarie origini di Roma; Orazio, autore di liriche e di satire; Tibullo e Ovidio, poeti; e Tito Livio, il grande storico di Roma.
L’architettura si arricchì di numerosi monumenti a Roma e nelle province. A Roma fu completato e prolungato il nuovo Foro cominciato sotto Cesare, furono costruiti l’Ara pacis, il Pantheon e altri edifici pubblici. Anche le province si archi, acquedotti, opere pubbliche.
Il ritratto romano
L’arte romana è celebrazione di avvenimenti storici: dalla grandezza epica della conquista, alla solennità di una cerimonia sacra in cui campeggi e sia esaltata la figura dell’autore principale di quegli eventi, console, dittatore, imperatore, o magistrato e notabile della vita municipale.
Nello sforzo tenace nel rendere la realtà degli avvenimenti e nell’esaltare e nobilitare la personalità umana nel compimento di ogni umana azione, si coglie lo spirito nuovo dell’arte romana e il suo vero distacco dall’arte greca.
Da ciò deriva il maggior valore che assume nell’arte romana il ritratto. L’arte greca ci ha dato con i ritratti di strateghi, filosofi, oratori, legislatori, esempi insigni e insuperabili per profondità e forza interiore d’espressione; ma l’esperienza di quest’arte sembra arrestarsi ai grandi valori umani e quando se ne allontana decade nelle figure grottesche e caricaturali dell’età ellenistica. L’arte romana invece abbraccia tutto il vasto e infinito dominio della personalità umana: dal ritratto aulico imperiale, alla statua onoraria del più umile magistrato municipale, al ritratto funerario, al cippo dell’artiere, al ritratto del bambino nella sua più ingenua espressione di grazia.
Hai bisogno di aiuto in Storia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
I Licei Scientifici migliori d'Italia secondo Eduscopio 2017