pexolo di pexolo
Ominide 10532 punti

Roma - Civis romano e suddito persiano


Roma approfondisce entrambi gli aspetti, che fino ad allora erano elaborazioni di altre civiltà: il civis (sul modello del demos greco), fiero della propria libertà ed indipendenza, è nettamente distinto dal suddito (sul modello del suddito persiano), sottoposto ad un sistema di sudditanza che Roma aveva conosciuto a Cartagine ed in Siria; il modo di interagire con una realtà di sudditanza crea tracotanza nella classe dirigente romana ed essa comincia presto ad emergere anche nei confronti degli abitanti dei foedera, che improvvisamente si trovano (oltre a mandare contingenti e, talvolta, ad avere piccoli contingenti militari nelle proprie città) a che fare con l’atteggiamento sempre più tracotante di Roma nell’esigere ciò che il foedus implica. Fra le premesse della ribellione degli Italici c’è, quindi, anzitutto una divisione della classe dirigente al suo interno (come nel processo degli Scipioni), dove alcuni sono più rigidi, giovani e tracotanti (fanno guerra e radono al suolo città piene di storia), altri più moderati e conservatori; ed aprendo lo scenario su una realtà così difficile da controllare che deve giustificare, agli occhi del lettore, il provvedimento preso dal Senato (una narrazione difficile da capire fino in fondo, data la volontà di giustificare ciò che il Senato decide); l’iscrizione, che dimostra quanto il racconto di Livio sia vero, è stata trovata a Tiriolo (in Calabria) ed è una piccola tavoletta di bronzo (la cui scrittura fa pensare ad una trascrizione) in cui sono registrati uno o due Senati consulti: Tiriolo era una comunità legata da foedus con Roma e quindi il Senato romano, oltre ai cives romani, aveva stabilito una pena di morte anche per una comunità alleata, che avrebbe potuto regolarsi secondo le proprie regole, i propri costumi ed i propri magistrati (Livio stesso sostiene, infatti, che i consoli furono mandati anche presso le comunità federate a cercare i Baccanti e, avendo affisso ovunque questo decreto senatorio, ad ordinare che ovunque (in tutti i territori controllati da Roma) si cercassero e si mettessero a morte coloro che non osservavano le leggi del nuovo decreto.
Hai bisogno di aiuto in Storia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove