Ominide 4479 punti

Il breve regno di Tito, venne ben giudicato dagli aristocratici antichi. Esso fu però colpito da una catastrofe : L’eruzione del Vesuvio che distrusse le città di Pompei, Ercolano e Stabia. A Tito successe il fratello Domiziano. Con lui si rinnovò la tendenza autoritaria del principato: il conflitto tra Domiziano e l’aristocrazia determinò una serie di processi politici. Sotto il governo di Domiziano, anche i migliori scrittori romani furono costretti al silenzio. Domiziano curò in maniera scrupoloso l’addestramento dell’esercito e condusse personalmente alcune spedizioni militari. Domiziano consolidò le conquiste Romane in Britannia e tentò di sottomettere anche la Dacia, ma dovette rinunziarvi e quindi venne stipulata una pace con il re dei Daci, il valoroso Decebalo. A Roma l’opposizione contro i suoi metodi di governo cresceva sempre di più. Molte congiure furono soffocate nel sangue. Nel 96 d.C, Domiziano rimase vittima di un congiura. Con la sua morte ebe termine la dinastia flavia. I congiurati che avevano assassinato Domiziano elessero Imperatore Cocceio Nerva. Questi adottò il più prestigioso generale dell’epoca, Ulpio Traiano. Dopo il breve regno di Nervia, il potere passò a Traiano.Domiziano, anche i migliori scrittori romani furono costretti al silenzio. Domiziano curò in maniera scrupoloso l’addestramento dell’esercito e condusse personalmente alcune spedizioni militari.

Hai bisogno di aiuto in Storia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email