pexolo di pexolo
Ominide 6526 punti

Rapporti tra Costantino e i pagani


Contemporaneamente e spesso in stretta concomitanza con le concessioni fatte ai cattolici, Costantino confermò ed estese benefici analoghi ai sacerdoti del culto tradizionale. Ai collegi religiosi di Roma furono mantenuti privilegi e immunità, nuovi sacerdoti adibiti al culto imperiale furono creati nella capitale e nelle province (a Spello e in Africa), affidati ad esponenti della più alta nobiltà come gli Aradii Valeri mentre flamines perpetui e sacerdotales (impegnati nella gestione del culto imperiale e nell’organizzazione dei concilia provinciali con dispendiose feste e giochi annuali) furono tutelati nella loro dignitas, ricevettero singolarmente evergesie e finanziamenti: inoltre, in quanto detentori di un sacerdozio al culmine della carriera municipale, essi ottennero l’esenzione dai servizi pubblici connessi con l’annona (ab annonarum praeposituris), nonché da tutti i munera di genere inferiore, senza dubbio, come i chierici cristiani, dai munera sordida. L’analisi delle rare notizie pervenute sulla cura dell’edilizia templare espletata da Costantino, che come l’ optimus princeps come Traiano lasciò che il senato e il popolo di Roma dedicasse a lui e alla sua gens Flavia basiliche e templi avviati da Massenzio e da lui completate e lo stesso imponente arco di trionfo, ha confermato l’ipotesi che anche in questo ambito non fosse la fede personale dell’imperatore a dettarne le scelte, bensì la consapevolezza che nessun governante può governare senza il controllo sui molti che si governano, il cui consenso e la cui cooperazione sono essenziali.
Hai bisogno di aiuto in Storia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email