Ominide 1909 punti

Il personaggio di Silla

Fino al questo preciso punto nella storia dell'Impero, ancora piuttosto iniziale in realtà,nessun uomo aveva mai raggiunto un’autorità e un potere così ampii come quelli di Silla, nonostante non riuscisse ad impedire che il giovanissimo Gneo Pompeo, che aveva fiaccato le ultime resistenze dei democratici prima in Sicilia e poi in africa, celebrasse il trionfo a soli 25 anni, ricevendo il soprannome di Magno, benchè non avesse mai ricoperto altre magistrature.
la storiografia moderna è molto divisa sull'interpretazione del suo operato, dai tratti controversi e contrastanti per certi aspetti. Il fatto è che il personaggio di Silla risulta enigmatico: da un lato incarnò per molti aspetti la cultura ellenistica, poiché la sua figura ha molti tratti del sovrano orientale, a cominciare dall’epiteto Felix, cioè fortunato, con cui veniva chiamato a Roma, per sottolineare le qualità e i favori concessi a lui dalla divinità; dall’altro lato fu rigidamente conservatore e ossequioso verso le tradizioni. Certo, se lo avesse voluto avrebbe potuto essere re. Invece, dopo aver controllato in qualità di console nell’80 a.C. che la propria opera legislativa fosse applicata, stupì tutti deponendo la dittatura nel 79 a.C. e ritirandosi a vita privata in una sua villa presso Pozzuoli, dove morì l’anno seguente.

Hai bisogno di aiuto in Storia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email