Ominide 1909 punti

Ottaviano (dal 44 a.C. al 30 a.C.)

Augusto Gaio Giulio Cesare Ottaviano, figlio di Gaio Ottaviano e di Atia (figlia di Giulia, sorella di Cesare), nacque a Roma il 23 settembre dell'anno 63 a.C. Ottaviano apparteneva ad una ricca ed antica famiglia equestre nella quale il primo che fosse stato fatto senatore fu suo padre. Nel 44 a.C. Cesare lo inviò appena diciottenne ad Apollonia (Grecia) per studiare lettere greche e per sorvegliare i preparativi per la futura spedizione d'Oriente, che stava preparando contro i Parti. è qui che Ottaviano fu informato dell'uccisione di Cesare (15 marzo) e decise di tornare a Roma. Sbarcò a Lecce dove apprese che Cesare lo aveva adottato e nominato suo erede. Si recò quindi da Cicerone per propiziarselo e poi partì per Roma, assumento il nome di Caio Gilio Cesare Ottaviano. Quando arrivò a Roma gli assassini di Cesare avevano già lasciato la città, grazie all'amnistia concessa loro dal console Marco Antonio. SI affrettò, quindi, a dichiarare di accettare l'eredità del padre chiedendo di entrare in possesso dei beni familiari. Però Marco Antonio, che deteneva il controllo del patrimonio, rimandò il versamento adducendo alla necessità di di attendere la ratificazione del testamento del defunto. Allora Ottaviano anticipò il popolo le somme che Cesare aveva lasciato nel suo testamento e fece eseguire i giochi per la vittoria di Farsalo. Così ottenne l'appoggio di molti dei cesariani. In seguito il Senato approvò la ratifica.

Hai bisogno di aiuto in Storia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email