Ominide 2892 punti

Fonti orali e fonti scritte

Lo storico e lo storiografo riescono a compiere il loro lavoro grazie alle fonti, cioè delle testimonianze, orali o scritte, che hanno la funzione di fornirci più informazioni riguardo ad un preciso evento storico (es. una battaglia). Grazie alle fonti i professionisti del mestiere sono in grado di fornirci più informazioni dettagliate riguardo ad un evento.

Le fonti orali in principio erano molto utilizzate perché in origine non esisteva la scrittura e perciò le fonti venivano tramandate oralmente, cioè venivano raccontate da una persona ad un'altra. Questo tipo di fonte con la scoperta della scrittura verrà usata sempre meno. Questa tipologia di fonte non è molto sicura perché nel tramandare le informazioni si potevano commettere degli errori oppure si poteva compiere un errore nel raccontarle percependo male il significato e quindi il messaggio di una frase. Nel ‘900 è stato ripreso questo tipo di fonti.

La maggior parte delle fonti giunte a noi sono scritte. Le Fonti scritte possono essere di due tipi: dirette e indirette.
Le fonti dirette consistono nell’andare a cercare nel passato testi che narrano direttamente l’evento.
Le fonti indirette consistono nell’andare a cercare testi antichi e trovare indirettamente (casualmente o meno) fonti storiche.

Hai bisogno di aiuto in Storia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email