Video appunto: Roma - Il diritto romano dell'impero



IL DIRITTO ROMANO DELL’IMPERO

Presenta evidenti segni di decadenza rispetto al diritto che lo precede, dovuti: alla diffusione del Cristianesimo e al perdurare delle tradizioni giuridiche locali, rese forti dalla crisi dell’impero universale con l’avvento di popoli dai valori assolutamente estranei alla civiltà romana; mutate condizioni economiche.
L’evoluzione del diritto fu condizionata dalle scelte dell’imperatore, l’unico in grado di creare diritto; così le uniche fonti furono le constitutiones imperiali. Caratteristiche furono: la riduzione della produzione giuridica alle constitutiones principum; la limitazione della normazione innovativa ai rapporti giuridici privati; il trionfo della cognitio extra ordinem imperiale. La decadenza del diritto si sviluppò nelle 3 fasi del periodo postclassico: nella fase dell’impero unico la decadenza riguardo il ius publicum, data l’apertura di Diocleziano verso gli schemi imperiali ellenistici che comportarono un abbandono ed un allontanamento dallo ius publicum tradizionale. Nella fase dell’impero duplice si assistette alla decadenza dello ius privatum, causata dall’intromissione interpretativa dei giuristi ellenici che alteravano il significato. Nella fase giustinianea fu vano il tentativo di reinstaurare il diritto classico. Infatti, Giustiniano cercò di mantenere inalterato il diritto classico, operando solo le modifiche necessarie e adeguarlo ai tempi.il diritto romano nell'Impero