Ominide 16919 punti

Gli dei greci


I Greci erano politeisti, cioè adoravano tanti dei. Pur essendo immortali, gli dei avevano aspetto e comportamenti umani e intervenivano spesso nelle vicende degli uomini. Per placare l’ira e ottenere l’aiuto, i Greci offrivano loro sacrifici (uccisione di animali). Le più importanti divinità greche erano: Zeus, protettrice della famiglia: Atena, figlia di Zeus, dea della sapienza (protettrice della città di Atene, che dalla dea prendeva il nome); Apollo, dio della luce, della bellezza e della musica. I miti e gli eroi: Strettamente collegata con la religione era la mitologia, cioè l’insieme dei racconti fantastici con i quali gli antichi Greci cercavano di spiegare i fenomeni di cui non conoscevano le cause: l’origine della Terra, l’alternarsi delle stagioni, i fulmini, le tempeste e la stessa origine dell’uomo. I miti raccontano le gesta degli dei e degli eroi: questi erano figli di dei e di uomini, una sorta di “superman” molto forti, coraggiosi e leali. I poeti cantavano le loro storie accompagnandosi con uno strumento a corde (la lira o la cetra). Il più grande cantore-poeta greco fu Omero, che nell’Iliade e nell’Odissea raccontò le gesta degli eroi che avevano partecipato alla lunga guerra tra gli antichi Greci e la città di Troia. Persefone siede sul trono con Ade, dio dei morti e dell’oltretomba. Persefone, dea della fertilità, era stata rapita da Ade. Dopo il rapimento, Persefone trascorreva, ogni anni, 4 mesi con il dio dei morti (sottoterra9 e gli altri con la madre Demetra, dea delle messi (sopra la terra). Questo mito voleva spiegare il permanere del seme 8Persefone) nei solchi d’inverno e la crescita della pianta di grano in primavera.
Hai bisogno di aiuto in Storia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email