Genius 13146 punti

Creta - Tre scritture

All’archeologo inglese Arthur Evans spetta il merito di aver scoperto e classificato le scritture in uso a Creta e nella Grecia continentale tra il 2000 2 il 1150 a.C. circa. Egli distinse i tre tipi rinvenuti in scrittura “geroglifica”, la più antica, e scritture “lineari”, le due successive. La prima scrittura infatti si presentava sotto forma di disegni, mentre e altre due erano caratterizzate da una serie di segni più schematizzati che formavano una linea continua.
Il primo tipo di scrittura, risalente al periodo più antico della civiltà cretese (2000-1650 a.C.) è documentato dal celebre disco di Festo (in terracotta), conservato al Museo di Heraklion, capoluogo di Creta. Tuttora indecifrato, il geroglifico cretese non ha ancora rivelato il suo segreto.

Il secondo tipo, per cui in anni recente sono state avanzate interessanti proposte di decifrazione, fece a sua comparsa attorno al 1750 a.C. e si presenta come una semplificazione dei geroglifici di cui sopra, ridotti a semplici contorni. Questa scrittura, rinvenuta su tavolette provenienti per la gran parte da Haghia Triada, nelle vicinanza di Festo, fu chiamata da Evans “Lineare A”.
Il terzo tipo (che secondo Evans sarebbe apparso verso il 1400 a.C., ma che oggi si tende a pensare sia almeno di un secolo più recente) è una scrittura sillabica chiamata “Lineare B”. Oggi siamo in grado di leggerla grazie al geniale lavoro interpretativo dell’inglese Micheal Ventris: dopo sedici anni di studio, egli scoprì che quella scrittura “nascondeva” una lingua greca; prima ancora di adottare l’alfabeto fenicio, attorno all’800 a.C, i Greci, tra il 1400 e il 1200 a.C., avevano dunque già utilizzato questo tipo di scrittura lineare.
La scoperta del Lineare B rivoluzionò tutte le opinioni correnti sulla civiltà greca e sui suoi rapporti con quella cretese: sino a quel momento, infatti, si riteneva che i Greci non avessero mai dominato Creta. Questa scoperta permise, dunque, di anticipare di alcuni secoli l’inizio della storia greca e informò del fatto che, sia pur per breve tempo, i signori del palazzo di Cnosso erano stati greci. Quella che sino a quel momento era stata definita “civiltà egeo-cretese”, o “minoica”, si era rivelata la successione di due diverse civiltà, quella pre-greca cretese (o minoica) e quella greco-micenea.

Hai bisogno di aiuto in Storia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove