Genius 13137 punti

Gli acquedotti

Una delle maggiori realizzazioni della civiltà romana fu l’efficientissimo sistema di distribuzione delle acque, attraverso una rete di acquedotti che non trovò paragoni nei secoli se non in epoca moderna. Nei primi tempi di Roma l’acqua veniva attinta dal Tevere, da pozzi e cisterne, come la Fonte delle Ninfe e la Fonte di Giuturna che si trovava vicine alla città.
Con l’aumento della popolazione durante l’epoca repubblicana, il rifornimento di acqua potabile dovette essere incrementato trasportando acqua da sorgenti più lontane (anche per l’inquinamento del Tevere, in cui sboccavano le cloache). Il primo acquedotto fu l’Acqua Appia, creato dal censore Appio Claudio, lo stesso che curò la costruzione della via che prende il suo nome: esso portava acqua da una sorgente distante circa dieci miglia a Sud di Roma, nei pressi dell’Aniene.

L’acqua passava in condotte sotterranee per la maggior parte del percorso, a una profondità di circa 15 metri, e per superare le depressioni e regolare il flusso di pendenza in parte sopra file di alti archi, secondo una tecnica che fu sempre adottata dagli acquedotti romani, e si raccoglieva in un bacino in un luogo chiamato ad spem veterem (poiché in tempi antichi vi sorgeva un santuario dedicato alla dea Spes, “speranza”); poi veniva Celio e L’Aventino e terminava nel Foro Boario.
Si calcola che la portata dell’Acqua fosse di 34.000 metri cubi al giorno. Dopo questo primo acquedotto ne furono costruiti altri nove, l’ultimo all’epoca dei Severi: si calcola che gli acquedotti trasportassero in città circa 1.800.000 ettolitri al giorno, il che significa che ogni romano, ai tempi dell’Impero aveva a disposizione 180 litri di acqua ogni giorno. Il sistema degli acquedotti però fu esportato anche alle province: le maggiori città ne erano servite durante l’epoca imperiale, e imponenti resti degli acquedotti romani sono ancora visibili in Spagna, Francia, Africa, Asia Minore; uno dei più grandi fu l’acquedotto di Cartagine, costruito all’epoca di Adriano.

Hai bisogno di aiuto in Storia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email