Ominide 2147 punti

Il rapporto fra le culture e la formazione di un ethos mondiale

Le reazioni alla violenza (a seguito di alcune drammatiche esperienze storiche dell'epoca contemporanea - Seconda Guerra Mondiale, Torri Gemelle), hanno portato fenomeni di contrasto, che si sono tradotti in un aumento delle ostilità, fino alla realizzazione di atti preventivi, orientati a gestire il pericolo attraverso un'azione terroristica anticipata. (Causando il fallimento di una cultura della tolleranza e della pace)
Di fronte a pericoli di una società globale fondata sulla paura e sul gioco d'azzardo, è necessario istituire un nuovo paradigma, fondato su azioni politiche, in grado di ridefinire una governance democratica internazionale, nella quale prevalgano categorie di carattere etico, universalmente riconosciute.
Kung afferma che al posto della moderna politica di potenza, di prestigio, bisogna creare una politica di intesa, di avvicinamento e di conciliazione regionale.

Questo presuppone un cambiamento di mentalità, ma non basta un nuovo approccio dalle istituzioni internazionali, ma un vero e proprio mind-set (una trasformazione radicale della mentalità che deve coinvolgere tutte le culture, in grado di ricostruire la convivenza su un sistema di regole riconosciute e condivise, in quanto equamente vantaggiose).
Affinché un progetto simile possa funzionare, è necessario che al pluralismo indiscriminato post-moderno si sostituisca la ricerca di un consenso sociale centrato su valori, diritti e doveri fondamentali (strada già iniziata nel 1948 con la nascita di nuovi organismi internazionalie il riconoscimento di una serie di diritti estesi a tutta l'umanità).
Lo scopo è quello di estendere un agire comunicativo, in grado di comprendere nel dialogo i vari distretti regionali e metterli nelle condizioni di discutere e prendere decisioni condivise, anche in un'ottica di natura critica.
Kung sostiene che questo consenso sociale, rappresenta un patrimonio comune, un ehtos mondiale, che raccoglie insieme risorse filosofico-religiose comuni all'umanità, che non vanno imposte, ma soltanto rese coscienti.
Sono stati fatti molti passi in avanti su questa strada, ma il rischio alla violenza e della guerra è cresciuto, anziché diminuire. Questo ha costretto numerose persone a vivere nell'incertezza, nel terrore e a migrare all'estero.
La ricerca di un ethos globale va nella direzione opposta, ovvero0 il riconoscimento della dignità umana che appartiene ad ogni persona, al di là dei confini geografici.

Hai bisogno di aiuto in Sociologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità