Ominide 4958 punti

Principio teorico di giustizia


Il rapporto, in termini di differenza, che passa tra principio teorico di giustizia e legalità pratica, può essere applicato a qualsiasi altro tipo di valore nella società, perché i principi senza i fatti concreti sono vuoti e viceversa i fatti, senza i principi cui si correlano, sono ciechi. Mentre i principi stanno nell’ordine dell’essenzialità, tutti i rapporti pratici stanno nell’ordine della modalità: infatti tutte le leggi e le forme storiche delle leggi sono le modalità di essere dei principi e dei valori generali. Quando tra principi e realtà non c’è un rapporto, l’equilibrio tende a rompersi: è la realtà che deve adeguarsi al principio, e con l’adeguamento perde la sua ingiustizia, per ritornare ad essere giustizia, cioè la legge, il principio generale si è adeguato in risposta alla nuova realtà prodotta nei rapporti sociali. Producono alti livelli di benessere le elites del potere, attraverso scelte politiche e di governo, producono alti livelli di benessere, ma per chi? A favore di quali classi? Che gli Stati elites del potere che hanno interessi e che sono pro tempore dominanti e che tendono all’imposizione sul resto del popolo e dell’intera generazione globale. Ciò si riflette enormemente sulla nostra società incrementando notevolmente gli effetti della mancanza di un vero principio che unifica tutto.
Hai bisogno di aiuto in Sociologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email