Suzy90 di Suzy90
Moderatore 9532 punti

La lirica romantica italiana

La lirica romantica si sviluppa in Italia tra il 1820 e il 1860, periodo in cui si ha una produzione abbondante ma talvolta anche mediocre, spesso ripetitiva, meno audace rispetto alla produzione in Germania e in Inghilterra. In Italia la lirica si sviluppa secondo due filoni, uno patetico-sentimentale, l’altro storico-patriottico.
Nel primo caso, il linguaggio è semplice e agile, perché rivolto a un pubblico popolare, e il patetismo romantico viene ripreso solo formalmente, senza profondità sentimentale. Il Medioevo viene spesso utilizzato come icona, come stereotipo di un periodo cupo e misterioso, intriso di magia e religiosità. La ripetitività e la povertà del linguaggio hanno portato a quella che de Sanctis ha definito come un’” Arcadia romantica.”
Nel caso della lirica storico-patriottica, la poesia assume una funzione educativa e civile, e si traduce come tale in poesia esortatoria. In Toscana, in particolare, si sviluppa un tipo di poesia satirica, soprattutto con l’opera di Giuseppe Giusti, mentre nel resto d’Italia si diffonde la poesia storica, che rievoca la passata grandezza storica nazionale. Spesso l’ambientazione nel passato si coniuga con l’attualità politica dei contenuti (come farà Giosuè Carducci).

Si diffonde inoltre la novella in versi, anche se i lettori sono pochi perché, eccetto che in Lombardia, manca il ceto borghese medio a cui è destinata.

Hai bisogno di aiuto in Contesto Storico Letterario 700?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità