Ominide 4865 punti

Giuseppe Parini soggiornò a Milano. Ciò influì molto la sua formazione, infatti, Milano era stata una città che aveva visto una maggiore fioritura della borghesia. La causa di ciò era il contesto politico del tempo: a Milano governavano gli austriaci (Maria D'Austria, una sovrana illuminata) che, promuovendo nuove riforme, permisero lo sviluppo di Milano.
Successivamente venne assunto come precettore, un lavoro attraverso il quale applicava la sua conoscenza per la classe nobiliare.
Parini ha una concezione impegnata della letteratura in quanto non scrive per diletto, ma tratta tematiche sociali a lui contemporanee.
Nelle sue opere possiamo riscontrare la peculiarità di una funzione sociale della cultura. Attraverso la cultura, infatti, si può intervenire sulla società, caratterizzata da una classe nobiliare parassitaria.
Attraverso le sue opere, Parini vuole scuotere gli aristocratici, dimostrandogli a cosa si sono ridotti, in modo tale da indurli a riflettere e da fargli cambiare atteggiamento. Infatti, Parini auspicava al riottenimento di una posizione di controllo da parte dell'aristocrazia (posizione che in quel momento era in mano alla borghesia, la quale si era ormai affermata nel contesto del tempo come classe dirigente).

Lo stile delle opere di Parini è contraddistinto da uno stile aulico e sublime, proprio perchè erano rivolte agli aristocratici.

Hai bisogno di aiuto in Autori e opere 700?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email