Ominide 1586 punti

Introduzione allo stile e alla produzione di Parini


Le forme di letteratura, seppur diverse, sono sempre delle risposte dovute alle esigenze del pubblico che cambia.
La funzione della letteratura muta: nella tragedia e nella commedia la letteratura aveva funzione didascalica e di piacere, con Parini invece riveste una funzione quasi esclusiva di mezzo di miglioramento della civiltà. È una forma di otium, in cui l’autore si tira fuori dalla politica ma dà il suo contributo positivo stimolando la società.
Una caratteristica particolare della poesia è che è intesa come componimento breve espressione di una soggettività, mentre tragedia e commedia sono più oggettive e distanti dall’io lirico senza essere sua espressione.
Con Parini la poesia elabora un vero e proprio programma pedagogico, dunque ha l’intento di insegnare qualcosa, proporre un exemplum; il termine deriva dalla figura del pedagògo, l’insegnante dei fanciulli dell’antica Grecia.

La sua opera principale saranno le ODI, con lo stesso intento delle Odi di Orazio in quanto saranno dei componimenti in versi di breve respiro all’interno di cui il poeta celebra una propria soggettività ma allo stesso tempo sporge una denuncia o esprime la collettività: questa è la funzione civile di cui si parlava poc’anzi, che è di vitale importanza per il cittadino.
Questa è un’altra faccia dell’Illuminismo: mentre Alfieri e Goldoni inserivano nelle proprie opere un insegnamento implicito, Parini è più attento al sociale e interpreta la letteratura come un mezzo per raggiungere la collettività.
La poesia è una forma di componimento nota, che riprende la tradizione, ma assume un carattere originale per via dell’ esplicità del suo intento e per via del rifiuto degli schemi del Rinascimento e Umanesimo, che riprendono il classicismo, dato dall’utilizzo dei versi sciolti dai legami metrici e dalle rime.

Hai bisogno di aiuto in Autori e opere 700?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email