cb.rr95 di cb.rr95
Ominide 830 punti

La teoria dei colori


Goethe (1749-1832) oltre che celebre poeta e narratore è anche un importante studioso del colore e dei fenomeni ottici. Egli infatti ha elaborato un’originale teoria chiamata La teoria dei colori(1810).Prima di Newton era convinzione comune che la luce fosse bianca.Newton scoprì che in realtà se la luce solare passa attraverso un prisma di cristallo si scompone in una molteplicità di raggi solari che se proiettati su uno schermo bianco danno vita all’interno spettro dei colori.Goethe pensava che la teoria di Newton fosse insuffiente a spiegare la natura del colore e fu così allora che iniziò i suoi studi e giunse ad ipotizzare,erroneamente, che i colori in realtà non fossero altro che il prodotto dell’incontro della luce con l’oscurità . In realtà si tratta di una teoria errata dal punto di vista fisico ma che porta con sè delle verità come ad esempio il fatto che l’occhio e la mente umana tendono ad influenzare attivamente la costruzione delle sensazioni cromatiche ,ecco che un colore posto su due sfondi di colore diversi appare diverso alla nostra vista o ancora un cerchio posto su uno sfondo bianco e un nero nel primo caso ci apparirà più grande nel secondo pi piccolo. Con i suoi studi Goethe porta quindi l’attenzione sulla dimensione soggettiva della percezione del colore.In particolare Goethe riterrà due i colori fondamentali: giallo e blu in quanto da questi due colori fondamentali avrebbero quindi origine gli altri colori , per intensificazione o mescolanza.
Hai bisogno di aiuto in Autori e opere 700?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email