Preside fuoriclasse conquista cuore studenti

Mirko C.
Di Mirko C.

mario rusconi newton

Tredici anni da insegnante, ventisette da preside, una passione per la scuola che non si è mai affievolita, anzi, è rimasta sempre viva ed ardente. Questa è la vita di Mario Rusconi, il dirigente del Liceo Scientifico “Newton” di Roma, punta di diamante dell’istruzione liceale romana. Dopo una carriera brillante, ricca anche di innovazioni ed eclatanti prese di posizione, per il Ministero è arrivato il momento del pensionamento. E a sorpresa è scattata la protesta da parte di genitori, studenti, politici e giornalisti: tutti vorrebbero che al preside fosse consentito restare in ruolo fino al raggiungimento dei 70 anni di età. Della vicenda se ne è parlato perfino in parlamento, inoltre genitori e studenti hanno raccolto e inviato al Presidente della Repubblica oltre 1000 firme.

CLAMORE INASPETTATO - “Non mi aspettavo che la mia storia suscitasse così tanto clamore mediatico e portasse così tante persone ad attivarsi”, ha dichiarato con sommessa commozione a Skuola.net. Rusconi, aveva chiesto di poter restare in servizio altri due anni, ottenendo solo un secco rifiuto da parte del Ministero. Altri suoi colleghi sono andati avanti anche fino a 70 anni, ma nel suo caso non ci sono molte speranze, perché "Ho fatto ricorso al giudice del lavoro ma non so se sarà accolto, perché quello di un altro collega ha già avuto esito negativo".

PUGNO DI FERRO E CUORE D’ORO - Un preside fuori classe, senza ombra di dubbio. Una carriera eccezionale, caratterizzata non da autorità, ma da una profonda autorevolezza e rispetto dei ruoli e delle parti. Il preside Rusconi è stato sempre uno con il pugno di ferro, che non ha avuto mai timore di dare seguito alle sue idee, sfociando spesso anche in ordinanze eclatanti come quella “anti baci”, varata nel 2009 per cercare di limitare un'eventuale diffusione dell’influenza aviaria. Pugno di ferro sì, ma anche un cuore d’oro, sempre aperto all’ascolto delle esigenze delle nuove generazioni e sempre in prima linea nel campo del sociale e del merito.

LA FORMULA DEL SUCCESSO: MERITO, SOLIDARIETA’ E CAPACITA’ DI ASCOLTO - Il pranzo di Natale con i senza tetto, le giornate di solidarietà e tanti spazi liberi per gli studenti, con i muri della scuola a disposizione per graffiti e street-art. Un grande lavoro di mediazione che ha portato la scuola a uscire indenne da tutti i periodi di agitazione della storia recente, con otto anni di fila senza occupazioni. Una sana ossessione quella del preside Rusconi per il merito, che dopo molti anni di ottima gestione, ha portato il Newton ad essere una scuola di eccellenza, quella con il più alto numero di 100 e lode nella Capitale. Attenta e meritocratica selezione di insegnanti e studenti, un clima estremamente propositivo e innovativo e una presenza costante ed incondizionata al servizio dei ragazzi e delle famiglie, questa la ricetta segreta del preside Rusconi.

LOVE IS THE ANSWER - “La chiave di volta è l’amore”. Un amore per il proprio lavoro e per i propri ragazzi e colleghi, maturato in un ambiente dove il motore principale si è sempre chiamato “passione”. Una passione sua e dei suoi collaboratori, sempre pronti ad offrire lezioni, ripetizioni e confronti rigorosamente gratuiti agli studenti in difficoltà, in virtù di un metodo formativo che purtroppo in Italia è una vera rarità. E poi c’è quel rapporto semplice e informale con i ragazzi, la voglia di comunicare con loro alla pari e un simpatico aneddoto: il preside Rusconi, fervente interista, spesso si fermava a scherzare con i suoi studenti romanisti, e molto spesso si finiva in scommessa. In caso di sconfitta della Roma, questi studenti dovevano recarsi nel suo ufficio a rendere omaggio al suo altarino interista. Al contrario, in caso di vittoria giallorossa, si andava tutti nella migliore gelateria di Roma a prendere il gelato più grande. Ovviamente offerto dall’amato preside Rusconi.

Il Preside della tua scuola com'è?

Commenti
Consigliato per te
Come affrontare un'interrogazione senza aver studiato
Skuola | TV
Prima volta: tutte le difficoltà che si possono incontrare

Ospite in studio una psicosessuologa che ci parlerà delle difficoltà che ragazzi e ragazze possono incontrare durante la loro prima volta.

22 novembre 2017 ore 16:30

Segui la diretta