10 frasi degli eroi della legalità che non dovresti più dimenticare

Cittadinamente
In collaborazione con Cittadinamente

 foto di Falcone e Borsellino

Non bisogna aspettare il 23 maggio, l'anniversario delle stragi di Capaci e Via d’Amelio, per dire "basta!" alla mafia. Per non dimenticare Falcone e Borsellino, ma anche tutte le altre vittime della mafia, ogni anno la Fondazione “Giovanni e Francesca Falcone”, con la Direzione Generale per lo Studente del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, coinvolge cittadini e studenti per dare testimonianza del loro impegno quotidiano per la legalità. Dal 2002 la Fondazione “Giovanni e Francesca Falcone”, in collaborazione con il Miur, ha avviato percorsi di educazione alla legalità a livello nazionale che culminano ogni anno nell’evento del 23 maggio, giorno dell’anniversario dell’attentato di Capaci, ma che accompagnano tutti i giorni la loro vita a scuola.

Anche noi di Skuola.net vogliamo essere parte attiva nella lotta quotidiana contro le mafie. Ecco, allora, 10 frasi degli eroi della legalità che non dovresti più dimenticare.

La mafia uccide, il silenzio pure…

(Peppino Impastato)

Io voglio scrivere che la mafia è una montagna di merda! Noi ci dobbiamo ribellare. Prima che sia troppo tardi! Prima di abituarci alle loro facce! Prima di non accorgerci più di niente!"

(Peppino Impastato)

La mafia è l’organizzazione più agile, duttile e pragmatica che si possa immaginare rispetto alle istituzioni e alla società nel suo insieme

(Giovanni Falcone)

Entrare a far parte della mafia equivale a convertirsi a una religione. Non si cessa mai di essere preti. Né mafiosi

(Giovanni Falcone)

La mafia non è affatto invincibile; è un fatto umano e come tutti i fatti umani ha un inizio e avrà anche una fine. Piuttosto, bisogna rendersi conto che è un fenomeno terribilmente serio e molto grave; e che si può vincere non pretendendo l'eroismo da inermi cittadini, ma impegnando in questa battaglia tutte le forze migliori delle istituzioni

(Giovanni Falcone)

La lotta alla mafia dev’essere innanzitutto un movimento culturale che abitui tutti a sentire la bellezza del fresco profumo della libertà che si oppone al puzzo del compromesso morale, dell’indifferenza, della contiguità e quindi della complicità

(Paolo Borsellino)

Se la gioventù le negherà il consenso, anche l'onnipotente e misteriosa mafia svanirà come un incubo

(Paolo Borsellino)

Parlate della mafia. Parlatene alla radio, in televisione, sui giornali. Però parlatene

(Paolo Borsellino)

L’impegno contro la mafia, non può concedersi pausa alcuna, il rischio è quello di ritrovarsi subito al punto di partenza

(Paolo Borsellino)

Gli uomini passano, le idee restano. Restano le loro tensioni morali e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini

(Giovanni Falcone)

E tu? Rischieresti la vita contro la mafia?