Milano, 37 studenti nella stessa aula: scoppia la polemica per la 'classe pollaio'

Andrea Carlino
Di Andrea Carlino

 liceo tenca milano classe pollaio 37 studenti proteste

Ormai il conto alla rovescia per l’inizio dell’anno scolastico è giunto agli sgoccioli. Tra docenti in meno (soprattutto per le materie scientifiche e per il sostegno) e classi pollaio, con più alunni del previsto a dover condividere la stessa classe. Ma quello che accade a Milano è quasi da record. Infatti al liceo Tenca due sezioni da 18 alunni dell'indirizzo socio-economico si uniranno in un’unica classe, creando una sezione extralarge. Secondo quanto riportano i docenti dell’istituto, una decisione imposta dal Provveditorato per risparmiare risorse. Ricostruzione, questa, smentita dallo stesso ufficio per gli studi: “Non è nostra intenzione - ha dichiarato il provveditore agli studi, Marco Bussetti - formare una classe da 37 studenti. La scelta del raddoppio è dell’istituto e non ne eravamo al corrente”. Ma la decisione, a quanto pare, è frutto di una richiesta che l’istituto aveva avanzato tempo fa, rimasta parzialmente inascoltata; l'idea era quella di mantenere addirittura quattro sezioni, in quanto gli alunni delle classi poi 'tagliate' studiavano una seconda lingua diversa (potendo scegliere tra francese o spagnolo). L’Ufficio scolastico, però, aveva risposto assegnando all’istituto più docenti per poter formare quattro gruppi di studio solo per le ore di lingua.

Le proteste degli studenti contro la fusione

A pochissimi giorni dall'avvio delle lezioni, perciò, ancora non si sa se la classe extralarge sarà formata o meno. Quello che è sicuro è che, nel frattempo, sia i genitori sia gli studenti stanno protestando. Sui social è velocemente montata la polemica, con il Collettivo Autonomo Tenca che preannuncia battaglia: “Probabilmente (non è ancora sicuro, ma è molto probabile) - recita un post pubblicato su Facebook - accorperanno due classi (le future 4 A e 4 B, economico sociale). Il numero totale degli studenti crescerebbe quindi a 37. Una classe pollaio dove sarà impossibile lavorare serenamente, soprattutto per gli studenti che hanno più difficoltà e quindi più bisogno di essere seguiti. Seguite questa pagina per ulteriori informazioni, vedremo all'inizio della scuola come staranno le cose, ma alla presidenza e al provveditorato un solo avvertimento: questa cosa non passerà inosservata, e se dovesse realmente avvenire gli studenti della scuola si mobiliteranno”.


Commenti
Consigliato per te
Come affrontare un'interrogazione senza aver studiato
Skuola | TV
Prima volta: tutte le difficoltà che si possono incontrare

Ospite in studio una psicosessuologa che ci parlerà delle difficoltà che ragazzi e ragazze possono incontrare durante la loro prima volta.

22 novembre 2017 ore 16:30

Segui la diretta