Raddoppia il fondo per le scuole: basterà per dire addio contributo?

Marcello G.
Di Marcello G.

fondo funzionamento scuole raddoppiato miur

Più soldi, assegnati con maggior rapidità, dove ce n’è realmente bisogno. Sembra che la riforma sulla ‘Buona Scuola’ inizi a dare i primi frutti; almeno è questa la promessa del Miur. In questo quadro, il fondo di funzionamento, è un pilastro su cui basare l’andamento dell’anno scolastico. E, per il 2016/2017, le premesse sembrano più che buone. Basterà per far sì che le scuole smettano di chiedere il contributo volontario - spesso preteso come obbligatorio - alle famiglie?

FONDO PIU’ CHE RADDOPPIATO - Il Ministero dell’Istruzione ha comunicato l’entità delle risorse da assegnare ai presidi per sostenere le spese correnti e quelle per la didattica degli istituti pubblici di ogni ordine e grado. Saranno 235 milioni di euro, quota più che raddoppiata rispetto allo stanziamento per lo scorso anno, quando furono 110 i milioni a disposizione delle scuole.

“Con la Buona Scuola abbiamo aumentato i fondi per il funzionamento – ha sottolineato il ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini - ma soprattutto abbiamo stabilito tempi certi per la loro assegnazione. Conoscere all’inizio dell’anno scolastico le risorse di cui si disporrà per far funzionare la propria scuola è un elemento essenziale per consentire ai dirigenti di lavorare bene e di pianificare spese e interventi. Si tratta di un’informazione essenziale anche per la programmazione dell’offerta formativa che avviene proprio in queste settimane”.

L’INCREMENTO STABILE CONSENTIRA’ MAGGIORE PROGRAMMAZIONE - Le scuole, quindi, da oggi sapranno da subito quanto potranno spendere non solo per l’anno in corso, ma anche per i prossimi anni: l’incremento, infatti, sarà stabile, favorendo una concreta programmazione pluriennale dell’offerta. Nel frattempo, la prima tranche del fondo, è già partita.

I SOLDI ANDRANNO A CHI NE HA REALMENTE BISOGNO - Ma le novità non si fermano qui, perché la riforma ha anche previsto la revisione dei parametri di assegnazione delle risorse: d’ora in poi si dovrà prestare maggiore attenzione alla presenza nelle scuole di alunni diversamente abili e a particolari contesti socio-economici. A queste situazioni andrà la preferenza nell’assegnazione delle risorse. Un modo per attenuare le differenze tra scuola e scuola.

UN DECRETO SEMPLIFICHERA’ LE PROCEDURE - Parallelamente, poi, il Ministero sta lavorando a una bozza di decreto che semplificherà gli adempimenti contabili a carico degli istituti, alleggerendo la mole di lavoro di segreteria e dirigenza e rendendo più snelle le procedure burocratiche. In corso di attivazione, infine, percorsi di formazione per il personale scolastico finalizzati a gestire gli aspetti amministrativo-contabili e un help desk per fornire assistenza alle scuole.

“Alle maggiori risorse - chiude il Ministro - stiamo affiancando strumenti di lavoro più agili e la necessaria formazione per accompagnare il personale e supportarlo in una gestione sempre più efficace ed efficiente delle nostre scuole”.

ADDIO CONTRIBUTO SCOLASTICO? - Le scuole saranno soddisfatte? Attualmente molti istituti, e in particolare tecnici e professionali - dove il costo dei laboratori ha un peso non indifferente sul bilancio - chiedono alle famiglie anche ben oltre i 100 euro a studente sotto forma di contributo scolastico. Con i nuovi criteri di assegnazione del Fondo di Funzionamento, si arriverebbe finalmente vicini alla somma minima - indicata dagli stessi presidi come intorno ai 100 euro a studente - per l'effettivo funzionamento delle scuole. Ma viste le difficoltà economiche che diversi istituti lamentano, l'incremento potrebbe ancora non essere sufficiente a eliminare la pratica della richiesta del contributo alle famiglie. E allora, potrebbero continuare le minacce agli studenti, che suonano come: "Se non paghi non parteciperai alla gita" o peggio "Se non paghi niente esami". A dimostrarlo sono le segnalazioni che ogni giorno giungono alla redazione di Skuola.net e che raccontano come le scuole usino il pugno di ferro con i ragazzi quando si tratta di ricevere l'ormai tristemente noto contributo.

Commenti
Skuola | TV
Adolescenti e relazioni malate

Quando un rapporto è malato? Quali sono i segnali che devono farti allarmare? Di questo e molto altro parlereno nella prossima puntata con il supporto di un sessuologo.

18 ottobre 2017 ore 16:30

Segui la diretta