Assenza al compito in classe, si può dare un brutto voto?

Redazione
Di Redazione

foto voto scolastico importante per tutti gli studenti

Prendere un' insufficienza ad un compito mai svolto. Un incubo? Purtroppo no, può succedere che i prof decidano per una mossa del genere, e non è raro. Ma gli insegnanti possono davvero mettere un voto ad uno studente assente? Oggi vi aiutiamo a capire come far valere i vostri diritti.

Regolamento sulle verifiche scolastiche

Partiamo da alcune definizioni generiche di ciò che costituisce per gli alunni l’assillo più grave: la valutazione delle verifiche. Quest'ultima deve essere espressa con voti in decimi. Secondo il patto educativo di corresponsabilità, le verifiche dovrebbero sia scritte che orali dovrebbero essere progettate e programmate, e in caso di compito in classe, si dovrebbe dare un preavviso di almeno 7 giorni di un eventuale spostamento della data prevista per la verifica. In più, non dovrebbe essere organizzata più di una verifica al giorno, e la valutazione dovrebbe partire da un minimo di 3 per arrivare a un massimo di 10. Si dovrebbe inoltre evitare di assegnare compiti in classe l'ultimo giorno di scuola e di fare la verifica in classe prima della correzione e della riconsegna di quella precedente.

Come si effettua la valutazione scolastica

Ovviamente i voti non possono essere distribuiti arbitrariamente. Occorrono delle prove periodiche e finali da sottoporre agli studenti per verificare la loro preparazione ed il loro livello di apprendimento. Esclusi gli esami di Stato, sono le interrogazioni e i compiti in classe a pesare nell'elaborazione del giudizio finale. Solitamente, infatti, i prof arrivano al voto conclusivo che figurerà in pagella attraverso la media delle valutazioni riportate nelle verifiche svolte mensilmente.

Si può mettere un voto se un alunno è assente?

Capita spesso che gli alunni decidano di assentarsi, volontariamente o meno, proprio in coincidenza delle interrogazioni o delle prove scritte. In questo caso, come in quello di malattia prolungata, occorre certificare a dovere l’assenza effettuata. Ad ogni modo gli insegnanti non sono legittimati a valutare una prova non svolta decidendo di optare per l’insufficienza. Si può, invece, ricorrere a prove suppletive e di recupero, in modo tale che lo studente possa essere ugualmente valutato come i propri compagni di classe.

...Cosa fare?

Ma cosa fare, se dovesse succedere proprio a noi? Innanzitutto, parlarne con il proprio insegnante può aiutare a chiarire l'equivoco: spiegategli il perché della vostra assenza e, in caso di malattia, portare il certificato medico come giustificazione. Se questo non dovesse bastare, provate allora a recarvi insieme ai vostri genitori, preside della vostra scuola per raccontargli l'accaduto. Sarà lui ad aiutarvi e a decidere cosa fare per risolvere la vostra situazione.

Margherita Paolini
Skuola | TV
Buona estate ragazzi!

La Skuola Tv ritornerà ad ottobre! Buona estate ragazzi!

3 ottobre 2018 ore 16:30

Segui la diretta