Alternanza scuola lavoro e ammissione all'esame di Maturità 2018: cosa rischi se non sei in regola

alternanaza maturità 2018

La regola è: tutti gli studenti delle classi quinte dei licei devono svolgere 200 ore di alternanza scuola lavoro e tutti quelli dei tecnici e professionali devono svolgerne 400. Per essere considerati in regola bisogna aver svolto almeno i tre quarti del totale. Cosa rischiano gli studenti in termini di ammissione alla Maturità 2018 se non sono in pari con le ore di alternanza scuola lavoro obbligatorie per tutti? A spiegarlo un articolo di Tecnica della Scuola.

Sono molti i docenti ad aver segnalato che alcuni dei loro studenti non hanno raggiunto le ore necessarie (150 nel caso dei licei, 300 nel caso di tecnici e professionali) per l’anno 2017/2018. Come si procederà quindi?

Ammissione alla Maturità 2018: cosa dice la legge e cosa cambierà per la Maturità 2019

Innanzitutto, si legge su Tecnica della Scuola, nel d.lgs. n.62 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.112 del 16 maggio 2017, all’art.26 è spiegato come le norme del nuovo esame di Stato si applicano a decorrere dal 1° settembre 2018. Questo significa, in parole povere, che le quinte di quest’anno non dovranno relazionare l’esperienza dell’alternanza fatta nel triennio durante l’esame di maturità.

Per l’anno scolastico 2017/2018, quindi, il mancato raggiungimento del minimo di ore previste per l’attività di alternanza scuola lavoro non sarà considerato penalizzante per l’ammissione alla Maturità. L’art.17 comma 9 del D.lgs. n.62/2017 che prevede che nel corso del colloquio orale alla Maturità si debba esporre – mediante una breve relazione e/o un elaborato multimediale – sarà attivo e valido a partire dall’anno scolastico 2018/2019.

Nello specifico si legge nell’art.13 comma 2 del D.lgs. n.62/2017 che è dall’anno scolastico 2018/2019 che l’ammissione all’esame di Stato verrà decisa, in sede di scrutinio finale, dal consiglio di classe presieduto dal dirigente scolastico o da un suo delegato anche dopo il riscontro dell’effettivo svolgimento dell’attività di alternanza prevista. Questo è sufficiente per affermare come, attualmente, non sia possibile per legge non ammettere all’esame di Stato 2018 uno studente che non fosse in regola con le ore dell’alternanza scuola lavoro.

Alternanza scuola lavoro e ammissione alla maturità: nota chiarimento del Miur

Il 24 aprile il Miur ha pubblicato dei chiarimenti in materia di alternanza e ammissione agli esami di Stato: "Ai fini dell'ammissione dei candidati interni all'esame di Stato, si osserva che, per l'anno scolastico 2017/2018, la normativa nulla dispone circa l'obbligo, per le studentesse e gli studenti, di aver svolto un monte ore minimo di attività di alternanza scuola lavoro nell'ultimo triennio del percorso di studi.
Potranno essere ammessi all'esame di Stato, quindi, anche le studentesse e gli studenti che non hanno completato il numero minimo di 400/200 ore nel secondo biennio e nell'ultimo anno
" si legge nel documento.
Discorso diverso per la maturità 2019. La nota, infatti, specifica che "A partire dall'anno scolastico 2018/2019, in seguito all'entrata in vigore del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 62, lo svolgimento dell'attività di alternanza scuola lavoro costituirà requisito di ammissione agli esami di Stato conclusivi dei percorsi di studi di istruzione secondaria di secondo grado.

Al riguardo, infatti, l'articolo 13, comma 2, lettera c) del citato decreto legislativo dispone che "è ammesso all'esame di Stato [...] la studentessa e lo studente in possesso", tra gli altri, del requisito dello "svolgimento dell'attività di alternanza scuola lavoro secondo quanto previsto dall'indirizzo di studio nel secondo biennio e nell'ultimo anno".

L'articolo 12, comma 2, del decreto legislativo 62/2017 dispone, inoltre, che "in relazione al profilo educativo, culturale e professionale specifico di ogni indirizzo di studi, l'esame di Stato tiene conto anche della partecipazione alle attività di alternanza scuola lavoro" riepilogate nel "curriculum dello studente", di cui la Commissione di esame tiene conto nello svolgimento dei colloqui e che costituisce, ai sensi del successivo articolo 21, allegato al diploma finale rilasciato in esito al superamento dell'esame di Stato.

L'articolo 17, comma 9, del decreto legislativo 62/2017 prevede, infine, che "nell'ambito del colloquio il candidato espone, mediante una breve relazione e/o un elaborato multimediale, l'esperienza di alternanza scuola lavoro svolta nel percorso di studi".

Skuola | TV
Buona estate ragazzi!

La Skuola Tv ritornerà ad ottobre! Buona estate ragazzi!

3 ottobre 2018 ore 16:30

Segui la diretta