Ominide 149 punti

I cicloni sono aree di bassa pressione che determinano un tempo instabile. Gli anticicloni sono aree di alta pressione che determinano un tempo stabile. In Italia (emisfero boreale) le perturbazioni atmosferiche prevalenti sono i cicloni delle medie latitudini, in essi possiamo distinguere quattro fronti:
1- Fronte freddo: L'aria fredda proveniente dal polo si sposta orizontalmente e costringe l'aria calda ad alzarsi velocemente. Così si formano delle nubi cumuliformi, che portano precipitazioni (temporali) violente.
2- Zona intermedia: È la zona interposta tra il fronte freddo e il fronte caldo, e qui il tempo non è perturbato.
3- Fronte caldo: L'aria calda scorre sopra il cuneo di aria fredda del fronte polare e così si generano piogge persistenti ma leggere.
4- Fronte occluso: Si verifica quando l'aria fredda ha sollevato completamente l'aria calda, in questo caso le piogge sono diffuse e intense.
Le differenze di pressione atmosferica sono la causa dei movimenti di masse d'aria che chiamiamo venti. L'aria si muove sempre da un'area di alta pressione a un'area di bassa pressione. Una causa dei venti periodici è il diveeso riscaldamento delle terre e dei mari. In riva al mare, durante il giorno le rocce si riscaldano piú rapidamente dell'acqua e riscaldano maggiormente gli strati d'aria sovrastanti.

Hai bisogno di aiuto in Scienze per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità