Bannato 241 punti
Questo appunto contiene un allegato
Sistema Solare e pianeti scaricato 6 volte

Il Sistema Solare


Che cosa c’è oltre la Luna? Non solo i pianeti ma anche molti altri corpi celesti. Tutti insieme ruotano attorno alla “nostra” stella formando il Sistema Solare.


Come è nato il Sistema Solare?


Una stella e otto pianeti, oltre a satelliti,asteroidi,comete,pianeti nani… Tutti questi corpi celesti, che compongono il Sistema Solare, si muovono insieme alla Terra in una “danza” governata dalle leggi di Keplero e dalla legge della gravitazione universale di Newton. Ma come si è originato tutto questo?Si è originato secondo quello che gli scienziati chiamano il modello planetesimale.

Cinque miliardi di anni fa


Un ammasso di gas e polveri derivato dall’esplosione di una stella più antica, in vorticosa rotazione e alla deriva nell’immensità dello Spazio: così ha inizio la storia del Sistema Solare. Cinque miliardi di anni fa questa nebulosa primitiva, per effetto della gravitazione e della sua stessa rotazione, raggiunge valori di temperatura e pressione estremamente elevati e assume la forma di un disco appiattito.

Dopo 50 000 anni, nel centro di questo enorme discola materia si contrae e dà origine a quella che sarà la nostra stella, il Sole.

Passano altri 25 000 anni e la centro del disco,sempre più denso, le temperature elevatissime innescano una serie di reazioni nucleari: la stella si accende e in essa cominciano a formarsi i primi elementi chimici. Anche nella parte esterna del disco la materia inizia a addensarsi in masse che daranno origine ai planetesimi, cioè piccoli corpi celesti con un diametro di qualche kilometro.

La formazione dei pianeti


L’idrogeno, il “carburante” principale della stella appena formata, subisce reazioni di fusione nucleare che danno origine ad atomi di elio, provocando l’emissione di una radiazione intensissima. Questa, come un forte vento, spazza via le parti più esterne della nebulosa.In questo modo rimangono vicini al Sole solo le masse dei planetesimi, che continuano ad attirare altre polveri, aumentando rapidamente le proprie dimensioni. Sono trascorsi 80 000 anni: i planetesimi si muovono intorno al Sole su orbite diverse;a volte si scontrano dando luogo a corpi celesti di dimensioni sempre maggiori, fino a quando il materiale a disposizione finisce. Nascono così i pianeti. Attorno a essi rimangono a ruotare altri corpi minori, i satelliti, catturati dall’attrazione gravitazionale dei loro vicini più grandi. Così è nato il Sistema Solare come oggi lo conosciamo, uno spazio più o meno sferico di 3 anni luce di diametro.

Anni luce


Le distanze del Cosmo sono immense: per poterle esprime evitando di scrivere numeri troppo lunghi, si usano unità di misura particolari, come per esempio l’anno luce. L’anno luce esprime la distanza percorsa dalla luce in un anno: poichè essa viaggia a circa 300 000 km al secondo, in un anno percorrerà 9500 miliardi di km.

Come è fatto il Sole?


Il Sole è una stella di enormi dimensioni se paragonata ai pianeti che le orbitano attorno, ma di medie dimensioni se la confrontiamo con altre stelle presenti nell’Universo. Dista circa 150 milioni di km dalla Terra; è composto quasi interamente da due gas, idrogeno ed elio, e da pochi altri elementi più pesanti. Il Sole ha già consumato metà del suo “carburante”, l’idrogeno appunto: tra circa 5 miliardi di anni si trasformerà in una stella di un altro tipo.

La struttura del Sole


Gli astrofisici ritengono che il Sole sia formato da sei zone diverse: il nucleo, la zona radiativa, la zona convettiva, la fotosfera, la cromosfera e la corona solare. Il nucleo ha un raggio di circa 150 000 km e una temperatura che raggiunge i 15 milioni di gradi centigradi. Qui avvengono le reazioni di fusione nucleare che fanno “funzionare” la nostra stella. La zona radiativa ha uno spessore di circa 300 000 km. In questa zona l’energia prodotta dalle reazioni del nucleo viene emessa sotto forma di raggi gamma, raggi x, raggi ultravioletti e infrarossi. La zona convettiva ha uno spessore di circa 250 000 km. L’energia proveniente dalla zona radiativa si trasmette attraverso moti convettivi simili a quelli che, all’interno della Terra, determinano la trasmissione del calore. Nel Sole,però, le temperature raggiungono i 6 milioni di gradi centigradi. La fotosfera è la parte del Sole che possiamo osservare direttamente: ha uno spessore di appena400 km e raggiunge una temperatura di 6000°C. Nella fotosfera si manifestano fenomeni quali le macchie solari e la granulazione. La cromosfera , che avvolge la fotosfera, è uno strato di plasma spesso circa 10 000km. Il plasma è un particolare stato della materia gassosa ad altissima temperatura, in cui gli atomi si presentano come ioni, cioè hanno perso uno o più elettroni. Nella cromosfera si verificano molti fenomeni che possiamo osservare anche dalla Terra, quali spicole, facole e brillamenti. La corona solare, estesa oltre la cromosfera, si disperde nello Spazio sotto forma di particelle ionizzate che formano il vento solare. Nella corona solare si manifestano i fenomeni più evidenti e visibili dalla Terra: protuberanze e brillamenti.

Quali sono i pianeti interni?


I primi pianeti che si incontrano allontanandosi dal Sole sono i pianeti interni: Mercurio, Venere, Terra e Marte. Essi vengono chiamati anche pianeti terrestri perchè sono rocciosi e presentano una composizione simile a quella della Terra.

Mercurio, il più vicino al Sole, è appena più grande della Luna. É privo di atmosfera e non ha satelliti.Ruota attorno al proprio asse molto lentamente, ma compie un giro completo intorno al Sole in appena 88 giorni.

Venere è un pianeta poco più piccolo della Terra e possiede un’atmosfera composta da anidride carbonica: essa “intrappola” il calore proveniente dal Sole provocando un surriscaldamento della superficie del pianeta, dove si raggiungono temperature di 500°C. Venere, infatti, è il pianeta più caldo del Sistema Solare. La sua atmosfera molto densa, inoltre, riflette la luce del Sole: per questo Venere è il corpo celeste più luminoso in cielo, dopo il Sole e la Luna. Ruota attorno al proprio asse in senso inverso (da ovest a est) rispetto agli altri pianeti terrestri, ha cioè un moto retrogrado. Non possiede satelliti.

La Terra è l’unico pianeta a noi noto in cui si sia sviluppata la vita, grazie alla presenza di acqua e alle temperature miti.

Marte ha da sempre acceso la fantasia degli uomini: sulla sua superficie si scorgevano con i telescopi fenditure tanto regolari da far sospettare che fossero opera di civiltà extraterrestri. Non è così, ma è probabile che, in un lontano passato, su Marte ci fosse l’acqua. La sua atmosfera, composta di anidride carbonica, è estremamente rarefatta. Marte possiede due satelliti; Phobos e Deimos.

La cintura degli asteroidi


Superato Marte, a 228 milioni di km dal Sole si apre uno spazio immenso di più di 500 milioni di km! In questo spazio orbita attorno al Sole uno sciame di piccolissimi corpi celesti chiamati asteroidi: ne sono stati catalogati ben 35 000. In genere gli asteroidi hanno forma irregolare, come veri e propri sassi lanciati nel Cosmo. Le loro dimensioni sono piuttosto ridotte: di rado superano i 50 km di diametro superiore a 1500 km. Molti astronomi pensano che questi corpi rocciosi siano il risultato della frantumazione di un unico pianeta esistito in tempi lontanissmi.

Quali sono i pianeti esterni?


Oltre la cintura degli asteroidi si trovano i pianeti esterni, Giove e Saturno,e, ancora più lontano, Urano e Nettuno. Più grandi di quelli interni, sono formati in gran parte da gas; per questo vengono definiti anche pianeti gassosi.

Giove è enorme: ha una massa 300 volte più grande di quellla della Terra e un raggio pari a 12 volte quello terrestre. É composto da idrogeno ed elio, come il Sole,e, in misura molto minore, da metano e ammoniaca. Giove si distingue per una gigantesca macchia rossatra, nota come Grande Macchia Rossa, situata poco sotto il suo equatore: si ritiene sia una tempesta che agita la sua atmosfera da almeno tre secoli. Giove possiede ben 65 satelliti,alcuni dei quali piuttosto grandi. Tre di questi satelliti, Europa,Callisto e Ganimede, sono chiamati pianeti galileiani, perchè furono scoperti da Galileo Galilei. Attorno a Giove ruotano anelli composti sopratutto di polveri, scopertinel 1979 dalla sonda spaziale americana Voyager.

Saturno è un altro pianeta molto grande,ma non uanto Giove. Dista dal Sole circa 1,5 miliardi di km, É circondato da un sistema di anelli costituiti da frammenti dighiaccio e anidride carbonica allo stato solido( quello comunemente chiamatoghiaccio secco). I frammentipiù piccoli misurano qualche centimetro, i più grandi hanno un diametro di alcuni metri. Saturno possiede 23 satelliti.

Urano è un pianeta gassoso con un nucleo roccioso e, come Venere, ha un moto retrogrado. Inoltre è un pianeta… “ribaltato”: il suo asse di rotazione è pressochè parallelo al piano della sua orbita al Sole. Gli astronomi pensano che questa inclinazione sia dovuta all’impatto con un pianeta delle dimensioni della Terra. Urano si distingue anche per il suo colore azzurro-verde. É molto più piccolo di Giove e Saturno, con un raggio pari a poco più di 4 volte quello del nostro Pianeta. Urano possiede 27 satelliti e un sistema di anelli disposti verticalmente rispetto al piano dell’orbita.

Nettuno ha dimensioni inferiori a quellle di Urano. É caratterizzato da un colore blu intenso, dovuto alla presenza di metano nella sua atmosfera. Il nucleo di Nettuno è probabilmente roccioso.

Oltre Nettuno si trovano i pianeti nani, cioè corpi celesti che non hanno dimensioni sufficienti per essere classificati come pianeti. Il più noto tra questi è Plutone, considerato a lungo il nono pianeta del Sistema Solare, ma “declassato” qualche anno fa. Plutone possiede un “satellite”, Caronte, il quale in realtà è un altro pianeta nano: per questo si dice che forma con Plutone un sistema planetario doppio.

Tutti questi pianeti e altri corpi celesti simili appartengono a una regione dello Spazio chiamata cintura di Kuiper, dal nome dell’astronomo che la scoprì.

Distanza Pianeta-Sole

Mercurio

57.910.000 km


Venere

108.200.000 km


Terra

149.600.000 km


Marte

227.900.000 km


Giove

778.500.000 km


Saturno

1.433.000.000 km


Urano

2.877.000.000 km


Nettuno

4.498.000.000 km

Le comete,oggetti misteriosi e affascinanti


Le comete sono corpi celesti ghiacciati in cui si distinguono una testa, una chioma e una coda. La testa è costituita da un nucleo luminoso composto di ghiaccio, metano, ammoniaca, anidride carbonica e ossido di carbonio, oltre a piccoli frammenti di materiali metallici e rocciosi. L’elemento che caratterizza le comete è la coda: essa si forma perchè, avvicinandosi al Sole, per effetto del calore il nucleo passa direttamente allo stato aeriforme (sublimazione), cioè si trasforma in vapore. Sprigiona così i vapori che formano la chioma che circonda il nucleo stesso. Respinto dall’azione del vento solare, il vapore forma la coda dell’astro, che può estendersi fino a diversi milioni di kilometri. Ancora oggi non è chiaro come si formino le comete: si sa solo che provengono da una regione dello Spazio chiamata nube di Oort,che si trova oltre l’orbita di Plutone.

L’orbita delle comete è immensa e il loro passaggio nelle vicinanze della Terra è periodico. Poichè percorrono viaggi lunghissimi nello Spazio, sono poche quelle che si ripresentano più di una volta nel corso nel corso della vita di un uomo. Fa eccezionela cometa di Halley, la più famosa, che transita nei pressi della Terra ogni 76 anni. Al contrario la cometa di Hale-Bopp, scoperta nel 1995, è rimasta visibile dalla Terra per ben 569 giorni, fino al dicembre 1997, ma si ripresenterà nel nostro cielo fra circa 2000 anni!


La nube di Oort


Oltre l’orbita di Plutone,agli estremi confini del Sistema Solare si trova una grande regione dello Spazio chiamatanube di Oort, dal nome dell’astronomo olandese che la scoprì.La nube di Oort è lontana tra 0,3 e 1,5 anni luce dal Sole e avvolge l’intero Sistema Solare come un immenso guscio. É considerata la “casa delle comete”.
Hai bisogno di aiuto in Scienze per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email