ORGANI DI SENSO

Gli organi di senso svolgono l'importante funzione di mettere in relazione l'organismo con l'ambiente. In essi particolari cellule nervose, dette recettori, sono capaci di captare ogni modificazione ambientale, di trasformarla in impulso nervoso e trasmetterla ai nervi. Questi mandano l'informazione al cervello che elabora varie sensazioni.
Nell'uomo esistono recettori per il gusto, per l'olfatto, per il tatto, per l'udito e per la vista; alcuni di essi sono localizzati in organi predisposti solo a questa funzione, come l'orecchio e l'occhio, altri si trovano in organi che svolgono anche funzioni diverse come la lingua, il naso e la pelle.

IL GUSTO

I recettori del gusto sono stimolati dal contatto con le sostanze chimiche contenute nei cibi; sono localizzati sopratutto sulla superficie della lingua e formano le papille gustative.

Per penetrare all'interno dei recettori e stimolarli, le sostanze chimiche responsabili dei vari gusti (dolce, amaro, salato, acido) devono essere sciolte dalla saliva o essere già liquide.
Per ogni tipo di gusto esistono cellule specializzate che riconoscono solo quel gusto e sono localizzate in zone diverse della lingua: i recettori del dolce sulla punta, quelli dell'amaro nella parte posteriore, quelli del salato e dell'acido nelle parti laterali.
Le papille gustative hanno forma e funzione diverse: alcune servono per percepire i gusti, altre percepiscono le sensazioni termiche e la consistenza dei cibi.

Hai bisogno di aiuto in Scienze per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email