Ominide 8039 punti

Il muflone

Probabilmente capostipite delle pecore domestiche, il muflone è l'animale più rappresentativo della singolare fauna sarda.
La Sardegna, grazie alle sue arcaiche connessioni con il continente africano, e all'isolamento che ha impedito l'immigrazione di specie della fauna nordica continentale, quali il camoscio, l'orso, la lince, il tasso, ospita una fauna tutta particolare: la pernice sarda o barbaresca presente in Europa solo a Gibilterra e comunissima nel Nord Africa, il cervo sardo o nano, simile al cervo di Barberia, la lepre sarda che ricorda quelle nordafricane, e altre specie più prossime a quelle del Nord Africa che alle europee. Così il muflone.
Questa grande pecora selvatica (altezza garrese 70 centimetri, peso tra i 40 e i 50 chili) dalle corna appariscenti e dalla caratteristica "sella" bianca sullo scuro manto invernale, comunissima nell'epoca romana, era considerata, ai primi del secolo, quasi estinta.

Oggi, grazie al divieto di caccia (benchè poco rispettato ), la sua consistenza è leggermente aumentata. Il muflone vive sui pascoli più alti e rocciosi delle montagne sarde, in branchi, sotto la guida del maschio più anziano e più forte.
Questo caprino è stato introdotto in molte zone dell'Europa, anche in ambienti forestali del tutto estranei al suo paesaggio classico, la forte macchia mediterranea, le sughere contorte, i massi di granito.
Ma l'estinzione nella sua unica area di origine, Sardegna e Corsica, non è più un pericolo poichè, è stato creato il Parco Nazionale del Gennargentu.

Hai bisogno di aiuto in Scienze per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email