Ominide 16918 punti

Fiori, frutti e semi


Le piante periodicamente producono fiori. Che cos’è il fiore e a che cosa serve? Esso è l’organo che serve alla pianta per riprodursi, cioè per dare origine ad altre piante. La struttura del fiore ci è nota: sappiamo che all’interno della corolla si trovano gli stami, che sorreggono le antere piene di polline, e uno o più pistilli, che terminano in basso con un ovario. Vediamo come avviene la trasformazione da fiore a frutto. Trasportato dal vento o dalle zampe di un insetto o dal becco di un uccello, qualche granello di polline è venuto a posarsi sullo stemma del pistillo e ci rimane attaccato, perché lo stimma è ricoperto di una sostanza vischiosa. il granello di polline assorbe gli umori dello stimma, si gonfia e comincia a emettere un sottile filamento, detto tubetto pollinico: esso penetra nel pistillo e scende sino all’ovario, che contiene gli ovuli. il tubetto pollinico, giunto a contatto con un ovulo, vi entra; allora l’ovulo ingrossa e si trasforma in seme. questo si arricchisce di sostanze di riserva fornitegli dalla pianta e diventa grande. come l’uomo utilizza le piante: l’uomo conosce sempre meglio le caratteristiche e le esigenze dei vegetali; perciò può intervenire nella vita delle piante, cercando di favorire il migliore sviluppo di quelle che gli interessano di più, dando loro acqua e concimi in abbondanza, difendendole dai parassiti che rovinano le foglie, impedendo che le piante lottino l’una contro l’altra per avere più luce. L'uomo fa tutto questo per utilizzare i prodotti delle piante (resina, lattice) e il legname oppure per nutrirsi delle parti ricche di sostanze di riserva (frutti, semi, tuberi, radici, foglie).
Hai bisogno di aiuto in Scienze per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email