Centro di gravità o baricentro
Basta lasciar cadere al suolo un gessetto intero e un gessetto frantumato per osservare che la forza di gravità agisce nello stesso modo sul gessetto intero e su ognuna delle particelle di cui è formato. Si può dunque immaginare la forza-peso di un corpo come la risultante di tante piccole forze tra loro praticamente parallele e agenti ciascuna su ogni particella del corpo stesso. Tale risultante è applicata a un punto che viene chiamato centro di gravità o baricentro del corpo e che si indica con la lettera G.
Se il corpo ha una forma geometrica regolare, il baricentro coincide con il centro di simmetria. Così, per esempio, il baricentro del triangolo si trova nel punto d’incontro delle tre mediane; il baricentro del cerchio coincide con il centro; il baricentro dei parallelogrammi è situato nel punto d’incontro delle diagonali. Lo si può verificare ritagliando le figure suddette da un foglio di legno compensato o di cartone, determinando il baricentro G e poi appoggiando i corpi sulla punta d’una matita o d’un chiodo disposti verticalmente.
Anche nei solidi regolari è facile determinare il baricentro. Per esempio, il baricentro del cubo è il punto di incontro delle diagonali; quello della sfera è il centro; il baricentro del cilindro coincide con il punto di mezzo dell’asse.

Hai bisogno di aiuto in Scienze per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email