Caratteristiche chimiche del suolo.

I terreni calcarei sono formati da roccia madre calcarea, costituita cioè da carbonato di calcio, un composto chimico presente anche nei gusci delle uova e nello scheletro di molti animali.
I terreni silicei derivano da rocce madri contenenti silice, minerale duro, molto frequente nella crosta terrestre. Sono silicei i terreni argillosi e quelli sabbiosi.

Nei suoli naturali o no coltivati i resti degli organismi vegetali arricchiscono continuamente lo strato superficiale di humus.
Nei terreni agricoli coltivati dall'uomo, invece, le piante vengono raccolte e il suolo un po' alla volta s'impoverisce delle sostanze utili alla crescita delle piante stesse.
Per ristabilire l'equilibrio si può ricorrere alla concimazione, cioè all'aggiunta nel terreno di concimi, sostanze organiche che favoriscono lo sviluppo della vegetazione.

Il letame è un concime naturale: si ottiene dalla deiezioni del bestiame. E' ricco di sostanze nutritive e rende il suolo soffice e poroso.
I concimi artificiali sono prodotti dall'industria chimica; contengono sostanze ricche di azoto, fosforo, potassio ma non ristabiliscono le caratteristiche di porosità e permeabilità del suolo.

Hai bisogno di aiuto in Scienze per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email