Ominide 11270 punti

L’azione della temperatura


Le terre emerse oltre dall’azione del mare sono modellate anche da molti altri fattori di cui ora prenderemo in esame i più importanti.
La temperatura influisce notevolmente sul cambiamento della superficie terrestre, perché contribuisce allo sgretolamento delle rocce. La sua azione è molto efficace negli ambienti in cui varia sensibilmente passando dal giorno alla notte.
La variazione di temperatura tra il giorno e la notte si chiama anche escursione termica giornaliera. Quando la temperatura aumenta le rocce si dilatano, quando si abbassa, si restringono. Lo stress cui vengono sottoposte le rende probabilmente meno resistenti e più facilmente attaccabili dagli altri agenti atmosferici.
L’ambiente naturale in cui l’azione disgregatrice della temperatura è più evidente sono i deserti dove l’escursione termica giornaliera arriva a superare i 50° C. quando poi la roccia presenta delle fessure anche piccolissime, dove si infiltra l’acqua, e la temperatura scende sotto gli zero gradi, il fenomeno è ancora più vistoso. L’acqua infatti, quando ghiaccia, aumenta di volume esercitando una forte pressione che allarga la fessura. Con il disgelo l’acqua penetra più profondamente e, con un nuovo congelamento, allarga ulteriormente la spaccatura. Questo processo, ripetuto diverse volte, causa un progresso sgretolamento delle rocce soprattutto in alta montagna, dove non sono coperte né dal suolo né dalla vegetazione e dove la temperatura scende spesso sotto lo zero. È evidente che il fenomeno è tanto più intenso quanto più sono frequenti e ravvicinati i cicli di gelo-disgelo.
Hai bisogno di aiuto in Scienze per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove