Genius 13146 punti

Allevamento: aspetti igienico sanitari e gestionali

Lo spirito della legge è quello di costruire delle popolazioni resistenti e sufficientemente in grado di contrastare naturalmente l’insorgere di malattie. La profilassi si deve basare sui seguenti principi: scelta di razze rustiche, le pratiche di allevamento devono essere consone alla fisiologia “normale” degli animali, ricorso ad alimenti sani e di alta qualità per migliorare le difese naturali dell’individuo, vita all’aperto con movimento fisico, la densità animale deve essere bassa per evitare problemi sanitari e per non compromettere le caratteristiche ambientali.
Qualora si presentino patologie, si può fare ricorso a trattamenti isolando l’animale ed escludendolo dal contatto con gli altri. Per quanto riguarda i farmaci, si dovrebbe preferire la medicina alternativa ricorrendo a prodotti fitoterapici, omeopatici ed oligoelementi e in ultima istanza a medicinali veterinari allopatici. In questo ultimo caso, il tempo di sospensione, prima della commercializzazione, dovrà essere il doppio di quanto indicato dalle istruzioni d’uso del medicinale. Non sono ammessi trattamenti ormonali per la sincronizzazione degli estri, mentre sono consentite le vaccinazioni e i trattamenti antiparassitari con farmaci omeopatici. Gli animali che per ragioni sanitarie dovranno essere sottoposti a più di 3 trattamenti in un anno con farmaci allopatici, non possono essere commercializzati come prodotti con metodo biologico.

Per quanto riguarda i metodi riproduttivi è preferito l’accoppiamento naturale, ma è consentita l’inseminazione strumentale. Sono vietate tutte le mutilazioni (es. il taglio della coda, il taglio dei denti,..) mentre è consentita la castrazione per la salvaguardia della qualità del prodotto, ma da attuarsi all’età più opportuno per ridurre al minimo lo stress e la sofferenza degli animali.

Di norma non è consentita la stabulazione fissa, poiché fortemente in contrasto con tutte le esigenze biologiche ed etologiche degli animali. I suini devono disporre di una superficie minima coperta e scoperta oltre che, quando possibile, disponibilità di accesso ai pascoli, una zona di riposo asciutta ad accesso ad acqua e alimento.

Hai bisogno di aiuto in Scienze per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove