Ominide 8039 punti

L'acqua allo stato solido

In natura l'acqua è presente in considerevole quantità allo stato solido e precisamente costituisce i ghiacciai, la neve, la brina e la grandine.
I tre quarti dell'acqua dolce esiste sulla superficie terrestre è contenuta nei ghiacciai; complessivamente, circa il dieci per cento delle terre emerse è coperto da ghiacciai. Per farti un'idea della loro estensione, pensa che attualmente soltanto nell'Antartide i ghiacciai ricoprono circa 14.250.000 chilometri quadrati, con uno spessore che raggiunge 3.350 metri. Dopo i ghiacciai dell'Antartide, per estensione, seguono quelli della Groenlandia e poi quelli in Asia, nelle Americhe, in Europa, in Africa, in Nuova Zelanda. Pensa che se la calotta di ghiaccio che ricopre l'Antartide e gli altri ghiacciai dovessero fondere completamente, il livello dei mari aumenterebbe di oltre 50 metri.
I ghiacciai si formano quando la quantità di neve che cade nel corso delle annate p maggiore della quantità che riesce a fondere per effetto del calore solare. La neve in eccesso, per deposito diretto, o per valanghe, o per opera del vento, si accumula, si comprime, diviene sempre più densa e, a causa del freddo e della pressione, si trasforma graduatamente in ghiaccio compatto. I ghiacciai sono utili perchè rappresentano un'enorme riserva di acqua. Per comprendere i benefici che essi offrono, basta considerare che la maggior parte dei fumi del mondo hanno origine dai ghiacciai. Durante le stati calde e asciutte, l'acqua di fusione dei ghiacciai compensa la scarsità di acqua piovana, alimentando i fiumi di magra, i laghi, le centrali idroelettriche e l'agricoltura.

Nei giorni più freddi d'inverno, nelle prime ore del mattino, puoi osservare la brina e renderti conto che è un deposito di ghiaccio cristallizzato solitamente a forma di scaglie, di aghi, di piume, ecc. La brina non è altro che rugiada gelata.
La neve quando cade è costituita da cristalli di ghiaccio, ramificati o stellati, cristalli talvolta agglomerati in fiocchi. La distribuzione della neve varia da inverno a inverno. In generale la quantità di precipitazione nevosa aumenta con l'altitudine.
Probabilmente, durante qualche violento temporale estivo, ti è già capitato di osservare la grandine. Si presenta come globuli o pezzi di ghiaccio, con diametro variabile.

Hai bisogno di aiuto in Scienze per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email