Social Love: l’amore estivo è online, ma la vendetta è porno

Serena Rosticci
Di Serena Rosticci

foto di revenge porn

Dire, fare, baciare, andare oltre e poi postare. Ma solo per vendetta, s’intende. Che l’amore viaggi online soprattutto per la iGeneration non è certo una novità, ma quello che accade dopo la sua fine può essere addirittura spiazzante e ha un nome ben preciso: revenge porn. A raccontarlo sono proprio 7mila adolescenti dai 13 ai 18 anni in un’indagine dell’Osservatorio Nazionale Adolescenza e Skuola.net con numeri da brivido.

L’AMORE SBOCCIA ONLINE… - Ma partiamo dall’inizio, dallo sbocciare vero e proprio di una storia d’amore teen che, in molti casi, avviene dietro allo schermo del proprio digital device. A raccontare di avere avuto una relazione amorosa online è infatti 1 ragazzo su 5. Di questi, il 60% è poi uscito allo scoperto incontrandosi dal vivo, ma per il restante 40% la storia è continuata in rete. Le chat sono i luoghi di incontro perfetti: il 10% le usa insieme ai messaggi, ai video e alle foto per esprimere i suoi sentimenti.

… IL SESSO PURE - Poi si sa, in chat dalla parolina dolce a quella piccante è un attimo. In alcuni casi non ci si tira indietro nemmeno di fronte alle richieste un po’ più hot del partner, virtuale o reale che sia: il 6,5% afferma tranquillamente di fare sexting, ossia di scambiare con il proprio flirt - più o meno stabile - foto e/o video che lo ritraggono in atteggiamenti molto intimi.

Guarda il video e scopri come usare i social nel modo giusto

DOPO IL FLIRT, IL TRADIMENTO - Peccato poi che tutto abbia una fine, specie in quelle storie d’amore vissute con una certa leggerezza. Un adolescente su 5 non si fa molti problemi a raccontare di aver tradito il suo partner e anche in questo caso c’è chi preferisce fare tutto protetto dalla rete: per 1 su 10 il tradimento avviene proprio online. Molte volte, il 37% per l’esattezza,se si tradisce online non lo si considera un atto di infedeltà vero e proprio. Ad aumentare il rischio di trasgredire al rapporto di coppia è poi l’estate, quel bel periodo in cui i ragazzi sono in vacanza, escono di più e magari stanno pure più tempo lontani dal partner. Ed ecco che l’idillio finisce.

L’AMORE LASCIA IL POSTO ALLA VENDETTA - È a questo punto che la rabbia e l’orgoglio ferito diventano il lascia passare perfetto per gesti incontrollati e fin troppo vendicativi. Bastano infatti questi sentimenti a far finire sul web quelle foto e quei video intimi rubati in un momento di passione, rovinando una vita. Si chiama revenge porn e altro non è che la vendetta messa in atto proprio dopo la chiusura di una storia o dopo un tradimento. Ad averne subito la minaccia o la messa in atto vera e propria è il 5% degli intervistati. E’ una percentuale che sembra minima, ma che deve far pensare: si tratta di un ragazzo su 20, come se in ogni classe a scuola ci fosse uno studente invischiato in una situazione simile.

A FORNIRE IL MATERIALE POTRESTI ESSERE PROPRIO TU - Un rischio che aumenta con il sexting, quando con ingenuità si fornisce volontariamente al possibile futuro carnefice il materiale compromettente. Tra chi lo pratica,infatti, la percentuale di revenge porn minacciata o subita sale al 17%. Sono soprattutto le ragazze a correrne i rischi (si tratta del 52% delle vittime): si fidano e si lasciano andare con più facilità inviando le loro immagini. Peggio, la revenge porn è ancora più alta tra le vittime di bullismo e/o cyber bullismo, tanto che l’ha subita il 18% di loro: è evidente la correlazione tra i due fenomeni. Forse, proprio da una foto (o video) hot sui social postata senza permesso inizia l’incubo del cyber bullismo, con le sue terribili conseguenze. Impossibile non pensare a Carolina Picchio.

SI MINACCIA ANCHE PER OTTENERE FAVORI SESSUALI - “Moltissimi adolescenti inviano immagini di nudi integrali, fanno sesso attraverso lo scambio di questo materiale senza comprenderne realmente i rischi - spiega Maura Manca, psicoterapeuta e presidente dell’Osservatorio Nazionale Adolescenza - Quando ci si lascia per stare con un'altra persona o quando si scopre un tradimento, troppo spesso scatta la vendetta e si usano queste foto e questi video per far del male all’altro mostrando poi tutto ad amici e, nella peggiore delle ipotesi, rendendo quel materiale di pubblico dominio. Così si distrugge l’autostima, la psiche e la dignità di una persona. È una violenza con esiti gravissimi che in alcuni casi ha portato anche al suicidio. Oggi si sta diffondendo anche la moda di minacciare la pubblicazione di tali immagini per ottenere da parte della vittima favori sessuali, facendo girare il suo numero anche tra gli amici. Tante ragazze non hanno il coraggio di denunciare ciò che subiscono e acconsentono”.

EDUCARE ALL’USO CORRETTO DEL WEB - “Fenomeni del genere non fanno che confermare la necessità di educare i ragazzi a un uso corretto della rete sia in famiglia che a scuola -sottolinea Daniele, admin di Skuola.net- fronte sul quale da qualche anno è attivo comunque il Safer Internet Center Italiano, Generazioni Connesse, un consorzio capitanato dal Miur e di cui Skuola.net è membro. Paradossalmente la revenge porn, anche se non attuata, può costare caro agli aspiranti vendicatori: la sola presenza di foto intime di minorenni sui propri device digitali già costituisce il reato di detenzione di materiale pedopornografico”.

Serena Rosticci

Revenge porn - Skuola.net

Commenti
Skuola | TV
La Skuola Tv sta per tornare

Dopo mesi di vacanza, siamo pronti per ritornare a farvi compagnia!

4 ottobre 2017 ore 16:30

Segui la diretta