Ominide 4865 punti

Il concetto di validità in psicologia


Nel dire che qualcosa è valido stiamo giudicando il grado di verità o correttezza di una conclusione, ovvero di un’inferenza causale e quanto essa è supportata dai dati, ovvero dalle evidenze.
Le evidenze sono fornite da risultati/dati e la loro consistenza (conformità) con altre fonti di conoscenza.
La validità è una proprietà delle conclusioni, non del disegno o del metodo (es. si fa bene il disegno ma si interpretano male i dati, commettendo un errore di validità di costrutto).
Possiamo distinguere quattro diversi livelli di validità:
- interna : validità delle inferenze riguardanti la covariazione (come i dati covariano con le nostre VI) osservata fra trattamento e misura in cui essa rifletta un’effettiva relazione causale indipendente da variabili diverse da quelle di cui si studia il rapporto.
- costrutto: validità delle inferenze sulla relazione fra costrutti di alto livello e risultati (esiste un’altra teoria che avrebbe predetto gli stessi risultati? Se la risposta è sì va presa in considerazione).
- esterna: validità delle inferenze riguardo alla stabilità della relazione causale nel tempo e nello spazio (persone diverse nelle stesse circostanze portano alle stesse osservazioni?)
- statistica : validità delle inferenze sulla relazione statistica tra trattamento e misura del comportamento.
Hai bisogno di aiuto in Psicologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email