Hope_ di Hope_
Ominide 461 punti

La nascita della psicologia

Fino alla metà del secolo scorso la psicologia era considerata una branca della filosofia e come tale non faceva ricordo a metodologie scientifiche. Finché non volle affermarsi come scienza autonoma e dichiarò quattro criteri:
1. Delimitò il proprio oggetto di studio- il comportamento umano e dei processi psichici;
2. Dichiarò il suo scopo- problemi relativi alla descrizione, interpretazione e previsione del comportamento umano;
3. Utilizzò metodi il più possibile oggettivi e scientifici;
4. Definì un insieme di concetti che le sono specifici e la caratterizzano.

La psicologia scientifica

La psicologia scientifica nacque nel 1879, nello stesso anno Wundt fondò a Lipsia il primo laboratorio di psicologia sperimentale ed in quel periodo in Europa era molto diffuso il positivismo. Possiamo trovare diverse correnti filosofiche:

• Empirismo: in cui unica conoscenza della realtà erano l’esperienza sensoriale e l’osservazione scientifica. I sostenitori proposero un modello di mente secondo cui la mente del bambino è come una lavagna pulita (tabula rasa) sulla quale l'esperienza lascerà il segno.
• Materialismo: l’intento è quello di ricercare una base materialistica che spiegasse ogni pensiero, per questo l’attenzione si concentrava sull’anatomia e la fisiologia del cervello.
• Evoluzionismo: nel 1859 Charles Darwin rese nota la sua teoria sull’evoluzionismo della specie, secondo la quale sopravvivono solo gli individui che si adattano all’ambiente. Nacque così la psicologia comparata, ovvero: se l’uomo deriva da una specie inferiore e quindi c’è continuità biologica, è bene studiare questa specie inferiore per capire alcuni comportamenti umani.

Hai bisogno di aiuto in Psicologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email