eleo di eleo
Moderatore 22198 punti

Il modello Bio – Psico – Sociale


Il modello bio – Psico – Sociale è definito dall’OMS nel 1947 come:
Stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplice assenza di malattia.

È un concetto che si lega strettamente alla salute, la quale è considerata un diritto fondamentale.

In questo modello tutte le persone sono inserite in una rete di relazioni biologiche, psicologiche e sociali, le quali influenzano la salute sia separatamente che attraverso interazioni specifiche. In particolare, con modello bio – Psico – Sociale si intende:

Bio sta per biologico, e tiene conto dei fattori genetici e biologici della salute;
Psico sta per psicologico, e tiene conto delle dimensioni mentale, emozionale e spirituale, che influenzano la salute.
Sociale riconosce l’importanza e l’influenza dei sistemi come la famiglia, la comunità, la cultura, lo status socio economico, l’accesso alle cure sanitarie.

Questa definizione va a sostituire quella precedente, cioè quella del modello BIOMEDICO, che considerava il corpo come una macchina e quindi qualsiasi danno poteva essere curato con chirurgia e farmaci.

Il modello biomedico ha dei limiti:

- Non considera l’effetto iatrogeno dei farmaci; con iatrogeno si intende l’effetto collaterale che un farmaco può provocare; è il caso in cui la cura diventa essa stessa parte del problema o lo aumenta. Es: vomito o perdita di capelli dovuti alla chemioterapia.
- Non tiene conto del collegamento tra mente e corpo, più volte evidenziato dalla branca della psicosomatica;
- Non tiene conto delle condizioni sociali e di vita del soggetto (stile di vita, inquinamento, ecc.).

A sostegno dell’interazione Corpo – Mente negli anni ’70 Besedowsky ha dimostrato che lo stress ha un ruolo decisivo nella produzione di cortisolo, ormone in grado di sopprimere la risposta del sistema immunitario. Pert invece ha scoperto i neuropeptidi molecole responsabili della trasmissione delle informazioni tra le cellule del sistema nervoso, del sangue, del sistema immunitario e dell’intestino. Quindi i sistemi di regolazione biologica interagiscono e scambiano informazioni tra di loro attraverso i neuropeptidi e vengono profondamente influenzati dagli stati psicologici.

La carta di Ottawa


Nella carta di Ottawa (1986) si promuove la salute. La salute è un diritto e come tale è fondamentale per tutti. Sulla base di ciò, ogni stato ha dei compiti che non riguardano solo la gestione di un sistema sanitario, bensì dovrebbe farsi carico di individuare e quindi modificare quei fattori che influiscono negativamente sulla salute collettiva, promuovendo allo stesso tempo quelli favorevoli.

La salute mentale


Secondo l’OMS la salute mentale è uno stato di benessere emotivo e psicologico nel quale l’individuo è in grado di sfruttare le sue capacità cognitive ed emozionali, esercitare la propria funzione nella società, rispondere alle esigenze quotidiane della vita di ogni giorno, stabilire relazioni soddisfacenti e mature con gli altri, partecipare costruttivamente ai mutamenti dell’ambiente, adattarsi alle condizioni esterne e ai conflitti interni.
Questa definizione implica una visione della natura umana nel suo insieme, indicando quali sono le caratteristiche di ogni uomo, come apprende, come comunica, come si comporta, come può stare bene.

Questa visione si collega alle seguenti teorie:

- Teoria della personalità --> si riferisce alle caratteristiche psichiche dell’individuo;
- Teoria della psicopatogenesi --> come si sviluppano le malattie mentali; ogni teoria della psicopatogenesi è collegata ad una teoria della personalità.
- Teoria della terapia --> ci si riferisce a come si curano le malattie mentali. Non sempre si guarisce, però si possono ipotizzare interventi che forniscano all'individuo un maggiore grado di benessere psichico.

Una persona non può essere definita normale sulla base di un criterio ideale o statistico.

Criterio ideale: Freud che considera una persona patologica se non è in grado di avere una visione della realtà corretta, di riconoscere e saper soddisfare le sue pulsioni in modo corretto, ad avere relazioni soddisfacenti.
Criterio statistico: secondo il DSM, una persona patologica presenta una serie di sintomi che ricorrono negli individui che hanno un certo disturbo.

Hai bisogno di aiuto in Psicologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
I Licei Scientifici migliori d'Italia secondo Eduscopio 2017