Ominide 77 punti

I gruppi


Ma cos'è un gruppo?


É un insieme di almeno 3 persone che interagiscono, che condividono norme, valori e abitudini e che si riconoscono e sono riconosciuti come membri del gruppo stesso.

Attenzione! La diade si differenzia dal gruppo perché é composta da 2 persone che interagiscono, e poi perché vi é più aggressività (infatti tra 2 persone il contatto fisico é più frequente) e si parla meno (infatti il silenzio può essere più imbarazzante in un gruppo che non tra 2 persone)

Esistono diversi tipi di gruppi, ad esempio: la squadra di tifosi, la classe 1^B, le amiche...
Bisogna però anche saperli distinguere...

I Tipi di gruppo


a. Gruppo primario = si basa su una relazione affettiva (per cui l'amicizia, la simpatia)
b. Gruppo secondario = si basa sulla condivisione di uno scopo comune

Pensiamo allora agli amici: Li abbiamo scelti noi, ed oltretutto con loro si instaura una relazione affettiva, quindi sono considerati un gruppo primario.

Ora riflettiamo sui compagni: Non li abbiamo scelti noi e non per forza si instaura con tutti una relazione affettiva, però si condividono le stesse abitudini, perciò sono considerati un gruppo secondario.

Le norme a cui si attiene un gruppo


Vi sono norme esplicite ed implicite:

a. Le norme esplicite regolano l'entrata, l'uscita e la permanenza nel gruppo e le troviamo nei gruppi formali (es: la classe, quindi giustificare un ritardo)

b. Le norme implicite si trovano sia nei gruppi formali (es: non fissare) sia in quelli informali (es: non tradire un amico)

La famiglia é un esempio di gruppo primario con regole però esplicite (pensiamo al diritto di famiglia)

La struttura di potere


Ma cos'è la struttura?


La struttura é la capacità di influenzare le idee e le azioni altrui. Questa capacità viene assunta da un leader cioè da una singola persona che influenza gli altri, però il ruolo é definito "Leadership".

Un esempio di influenza sugli altri è il professore, infatti quando entra in classe gli alunni devono alzarsi.

Le origini della struttura di potere sono diverse:

a. La ricompensa
b. La punizione
c. L'esempio
d. La competenza
e. La legittimazione
f. L'informazione

Le prime 5 agiscono a livello emotivo, infatti la ricompensa indica il potere di chi la dà e chi la riceve proverà gioia, nel caso della punizione invece proverà tristezza o persino paura nei confronti della figura autoritaria.

L'informazione invece gioca a livello cognitivo: dipende infatti dalla capacità di ragionamento ed é più stabile in quanto non si dipende da nessuno.

Gli stili della leadership


Vi sono 3 stili:

a. Autoritario = È un leader a tutti gli effetti, fa tutto ciò che ritiene giusto senza l'aiuto degli altri e non vuole consigli da parte del gruppo infatti vige un clima di comunicazione unidirezionale. Dà molte punizioni e probabilmente tutto ciò é legato ad un attaccamento insicuro evitante per cui si nasconde dietro al potere.

b. Permissivo = Ricerca il consenso del gruppo per cui accetta qualsiasi proposta, anche in questo caso si parla di comunicazione unidirezionale, ma questa volta da parte del gruppo. Probabilmente tutto ciò é legato ad un attaccamento insicuro ambivalente.

c. Autorevole = É la figura di leader ideale: infatti tende ad ascoltare le idee del gruppo e perciò vige una comunicazione bidirezionale, ma allo stesso tempo mantiene il suo ruolo di guida e alla fine é lui a prendere le decisioni

Hai bisogno di aiuto in Psicologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email