Ominide 4865 punti

Franz Joseph Gall e la frenologia


Attualmente è risaputo che l’attività psichica abbia sede nel cervello, tuttavia, questa scoperta è relativamente recente. Un contributo fondamentale è rappresentato dagli studi dello psicologo Franz Joseph Gall.
Gall sosteneva che ci fosse una corrispondenza tra le aree celebrali e le facoltà mentali. La sua teoria venne denominata frenologia, e fu ampiamente criticata dalla comunità scientifica per l’assenza di scientificità, nonostante abbia avuto un grande riscontro nell’opinione pubblica.
Secondo Gall e la sua teoria, l’esercizio di una determinata facoltà mentale comporterebbe ad un suo miglioramento che si verificherebbe anche su un piano fisico: l’area celebrale corrispondente incrementerebbe di dimensioni e porterebbe alla comparsa di asimmetrie sul cranio, denominata bernoccoli, perciò, attraverso un esame di tali asimmetrie sarebbe possibile determinare le facoltà mentali più sviluppate di un soggetto. Nonostante questa teoria non è verificata dal punto di vista scientifico, l’apporto di Gall è stato fondamentale in quanto lo studioso ha gettato le basi per studi che hanno portato ufficialmente alla scoperta di una correlazione tra aree celebrali e facoltà mentali (avvenuta grazie agli studiosi Broca e Wernicke e i loro studi sulle afasie del linguaggio).
Hai bisogno di aiuto in Psicologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email