cool98 di cool98
Habilis 433 punti

Per sviluppo sociale si intende lo sviluppo delle abilità sociali del bambino che poi condizionano anche molte aree della personalità.
Il bambino nella prima infanzia ha bisogno della relazione sociale.
Per un buon numero di autori, fino agli anni Ottanta, la relazione di attaccamento era considerata talmente importante per il futuro sviluppo sociale dell’individuo che una relazione di attaccamento non adeguata o la mancanza di una relazione di attaccamento determinava alterazioni nella struttura della personalità: questa è una visione deterministica, e cioè la relazione di attaccamento determina lo sviluppo normale della personalità nelle diverse aree e lo sviluppo delle capacità relazionali.
Quindi se il bambino ha dei problemi psicologici, la causa va ricercata in una relazione di attaccamento non adeguata.
Nella visione deterministica c’è la ricerca della causa e in genere il protagonista della relazione di attaccamento è visto anche su base culturale nella madre.

Nella seconda metà del Novecento questa interpretazione è stata ridimensionata e quindi si può definirla una visione non deterministica (o relativista), cioè la relazione di attaccamento è importante ma non necessariamente determinante.
Si tratta di ricerche della seconda metà del Novecento condotte da diverse scuole di pensiero psicologico che hanno visto come eventi della vita particolari (es. morte di un genitore, separazione, divorzio) costituiscano la causa di patologie (ad esempio può insorgere una depressione a causa di un lutto).
Le ricerche della seconda metà del Novecento ridimensionano anche la figura della madre che dimostrano essere molto influenzata dalla visione culturale.

Hai bisogno di aiuto in Psicologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email