Donders

Donders da fisiologo iniziò a studiare i tempi di reazione. Riguardo ai rapporti fra sistema nervoso e processi mentali afferma: “l’essenza di ogni forma di energia e lavoro che conosciamo e misuriamo è movimento e nessuno può immaginare come dal movimento possa nascere la coscienza o qualsiasi altro tipo di funzione mentale”. La sua idea era quella di controllare la complessità dei processi mentali nei suoi esperimenti, determinandola facendo ricorso a misurazioni differenziali dei tempi necessari allo svolgimento di processi mentali di diversa difficoltà. Per fare questo era indispensabile poter determinare in un tempo di reazione, quale quota fosse attribuibile ai processi mentali --> Donders propone uno schema in dodici fasi dall’azione degli elementi sensoriali sugli organi di senso alla risposta del soggetto allo stimolo, tuttavia non se ne può misurare neanche una. Nonostante ciò, complicando il compito da svolgere, si ottenevano tempi di risposta diversi --> la differenza tra i tempi di risposta dei compiti facili e di quelli difficili ci dà la misura oggettiva e quantitativa degli ulteriori processi mentali in gioco --> questo metodo sarà largamente utilizzato da Wundt a Lipsia. Postulato della sommazione mentale (e conseguente metodo sottrattivo): si assume che i tempi di reazione siano rappresentativi della somma di processi mentali (atomici) sottostanti. Non si tiene conto dell’interazione tra le parti, né della differenza del compito! Questo postulato fu contestato da Külpe (cfr. pp. 83-84), ma è oggi tornato in uso nell’ambito della neuropsicologia.

Ciò che è complesso origina dalla sommazione di processi mentali. Egli riteneva che i comportamenti dell’essere umano sono la somma di numerosi meccanismi interiori. Questo autore propone un’idea elementaristica: lo psichismo è la copia di processi che stanno al di fuori che vengono rappresentati all’interno. Al suo interno lo psichismo è sommativo --> somma di processi mentali.
Paradigma sperimentale:
(a) Tempo di reazione semplice: a uno stimolo segue una risposta → stimolazione elettrica alla gamba dx; premere un pulsante con la mano dx.
(b) Tempo di reazione composto, con discriminazione tra le risposte: al soggetto viene presentato uno stimolo, scelto tra due o più prefissati, ed egli deve rispondere scegliendo tra due o più risposte prefissate → stimolazione elettrica alla gamba dx o sx; premere un pulsante con la mano corrispondente.
(c) Tempo di reazione composto, con discriminazione tra gli stimoli: al soggetto viene presentato uno stimolo, scelto tra due o più prefissati, ed egli deve rispondere solo in un caso → stimolazione elettrica alla gamba dx o sx; rispondere solo agli stimoli alla gamba dx, premendo un pulsante con la mano dx, corrispondente.
Metodo sottrattivo: si assume che il processo mentale più complesso è ‘b’, che implica sia ‘a’ che ‘c’

Hai bisogno di aiuto in Psicologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email