Sapiens Sapiens 13859 punti

Gli Oratoriani e i Fratelli delle Scuole Cristiane di La Salle

Nel 1611, il cardinale francese Pierre de Bérulle, fonda la Congregazione dell’Oratorio, con l’intento di dedicarsi all’ educazione delle classi agiate, tentando di sottrarla al monopolio dei Gesuiti di cui prenderà il posto nelle stesse scuole quando questi ultimi furono cacciati definitivamente nel 1762. La fonte di ispirazione degli Oratoriani si trova nel modello italiano di S. Filippo Neri, anche se con le dovute differenziazioni. Il loro metodo si avvicina molto ai Giansenisti e quindi subisce l’influenza di Descartes almeno per tre motivi:
1. importanza attribuita alla razionalità
2. tipo di educazione morale e religiosa promossa
3. aspetti moderni e molto realistici del corso di studio: molta matematica, scienze naturali e storia – prevalenza della lingua materna sul latino.
4. Gli Oratoriani poterono contare su Padre Bernard Lamy, un educatore insigne e sul filosofo Malebranche
Invece, agli strati popolari si dedicò la Congregazione delle Scuole Cristiane, fondata nel 1684 da Jean-Baptiste De La Salle. Come già aveva fatto in Italia Calasanzio, La Salle istituì delle gratuite in cui si insegnava la religione, i primi elementi di scrittura e di lettura, il far di conto e tutte le altre nozioni utili nella vita quotidiana. La Salle si occupò di insegnare i mestieri, fondo istituti per ragazzi dovevano essere rieducati e scuole festive per gli operai. Le scuole normali o seminari formavo il personale insegnante: la prima scuola di questo tipo fu fondata a Reims nel 1685. Tutte queste iniziative ebbero molto successo perché rispondevano ad una forte richiesta sopciuale.La prassi disciplinare era molto rigorosa: vigeva la regola del silenzio e lo stesso maestro era solito esprimersi ricorrendo a segni convenzionali.
Prevaleva la memorizzazione anche l’influenza cartesiana richiedeva di non ignorare la comprensione intelligente e ragionata. Si faceva un largo uso della frusta, anche se le mancanze erano minime; in tal caso l’allievo punito doveva sempre ringraziare il maestro, davanti ai compagni, per averlo punito.
I meriti di La Salle furono notevoli anche perché egli fu il primo ad avanzare l’idea dell’obbligo scolastico. Tuttavia la sua impostazione rimase piuttosto distante dal principio di autonomia del docente voluto dal Giansenismo e dall’ideale di Comenio che augurava una scuola veramente democratica in cui fosse garantita una formazione completa ed umana. Degno di nota è il fatto che durante la Rivoluzione francese, mentre l’ Assemblea Legislativa decretava la soppressione delle scuole dell’ Ordine dei Fratelli Cristiani, proclamò che essi avevano ben meritato il riconoscimento della patria.
Hai bisogno di aiuto in Pedagogia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email