Ominide 8113 punti

Maria Montessori: teoria pedagogica e importanza dell’ambiente

Maria Montessori è nata ad Ancona nel 1870. La sua teoria pedagogica si basa non su una teoria precostituita bensì su esperienze reali. Secondo la pedagogista Maria Montessori, il bambino deve essere posto nella condizione di poter esprimere liberamente le proprie attitudini, svolgendo le attività da lui predilette, a tal proposito è fondamentale la relazione triadica tra bambino, ambiente è insegnante. Facendo riferimento alla teoria pedagogica di Maria Montessori, si parla anche di autoeducazione, in quanto, si basa sul lasciare i bambini liberi di giocare, svolgere attività, esprimersi, e facendo ciò, si opera una sorta di autoeducazione. Ciò che le maestre devono fare quello di osservare i bambini mentre svolgono le loro attività, svolgendo un ruolo di supervisione. Infatti, nel processo educativo e di sviluppo da ogni punto di vista, il ruolo decisivo è giocato dall'ambiente virgola che deve essere ricco di stimoli, situazioni, attività e problemi. Tuttavia, l'ambiente deve essere adatto ai bambini, tenendo conto delle loro esigenze del loro sviluppo, della loro età. Se un ambiente scarno di stimoli, è un ambiente con troppi stimoli può essere dannoso per il bambino, nel primo caso, il bambino non può sviluppare appieno le proprie potenzialità, poiché non ha una stimolazione sufficiente per quella che è la sua creatività, nel secondo caso, invece, il bambino si troverebbe confuso di fronte ad una stimolazione eccessiva. Maria Montessori descriveva l'ambiente come proporzionato, misurato, ordinato, funzionale e attraente.
Hai bisogno di aiuto in Pedagogia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email