Habilis 5255 punti

Il pensiero pedagogico di Maria Montessori


Maria Montessori può essere considerata una grande rinnovatrice dell’educazione infantile all’interno dell’attivismo.
Essa parte dal concetto caro a Fröbel che il bambino è un essere attivo, stimolato da forze interne e lo scopo dell’educazione è di permettere il libero sviluppo di tali forze.. Poiché la Montessori intende eliminare tutti gli ostacoli che il bambino potrebbe e può incontrare durante il suo sviluppo, essa crea un apposito ambiente “privo di ostacoli”. Il suo progetto educativo presuppone tre elementi molto importanti:
1) L’ambiente
2) Il materiale didattico
3) l’insegnante
Il materiale didattico non rispecchia la vita familiare o reale, bensì esso è appositamente costruito per il bambino: tavoli e sedie molto leggere e facili da spostare, lavagnetta portata di mano, arredamento dei vari locali a portata dei bambini. In questo modo il bambino non ha la sensazione di andare a scuola, ma di andare in una casa che è sua.
Il materiale didattico montessoriano è complesso e costoso perché costruito in seguito a puntuali indagini scientifiche. Esso non deve servire all’insegnante, ma deve servire direttamente ai bambini stessi, come succede per i giocattoli. In questo modo viene stimolata la libera attività dei bambini rendendo possibile, col fare e rifare, l’autocorrezione dell’errore. Esiste un materiale per l’educazione dei singoli sensi ed un materiale per ogni attività prevista (lettura, scrittura, calcolo). Questo materiale permette un’infinità di giuochi e di esercizi vari che il bambino compie con molto interesse ed applicazione.
L’insegnante prende il nome di direttrice perché essa perde il vecchio ruolo di maestra attiva ed insegnante. Essa non è altro che il trait-d’union tra il bambino e l’ambiente. Il suo ruolo deve limitarsi ad insegnare al bambino a conoscere ad usare i mezzi esteriori per poterli usare.
Il metodo montessoriano è stato oggetto di critiche, soprattutto rivolte al materiale didattico considerato troppo complicato ed artificioso ed anche perché viene predisposti dalla mente di un adulto. Codignola indirizza una critica molto severa al metodo montessoriano: lo accusa di rigidità ed intransigenza metodologiche che ricordano troppo da vicino il peggiore Rousseau. Ciò spiega perché il Metodo Montessori abbia avuto uno scarso successo in Italia, mentre si è diffuso rapidamente in tutto il mondo, soprattutto nei paesi anglosassoni.
Hai bisogno di aiuto in Pedagogia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Calendario Scolastico 2017/2018: date, esami, vacanze