Legge Coppino


La legge Coppino risale al 15 luglio 1877, con questa viene rafforzato l'obbligo scolastico fino ai 9 anni. Coppino cerca di laicizzare la scuola togliendo l'insegnamento della religione, mentre vengono inserite le prime nozioni dei doveri dell'uomo e del cittadino, oltre alla lettura, lingua e calligrafia, aritmetica. Viene inoltre introdotta un'ammenda per i genitori inadempienti. Poi si coniugherà con la legge elettorale del 1822, secondo la quale può votare solo chi ha superato gli esami sulle materie del corso elementare.

Baccelli


Il Ministro Baccelli nel 1894 introduce nella scuola elementare il lavoro educativo, perché vuole assecondare la curiosità degli studenti e far nascere in loro uno spirito di osservazione. Nascono le scuole con la coltivazione del campicello e le scuole femminili con le attività dei lavori donneschi.

Legge Orlando


La legge Orlando risale al 1904 e rafforza l'obbligo scolastico aggiungendo le classi di quinta e sesta che vengono chiamate "corso popolare". Voleva avviare al lavoro. Inoltre aggiunge delle sanzioni per gli inadempienti e la scuola festiva e serale per gli adulti.
Ci sono inoltre vivaci dibattiti per la nascita della scuola secondaria (media). Solo che non venne portato a compimento visto che scoppiò la prima guerra mondiale.

Legge Daneo-Credaro


La legge Daneo-Credaro risale al 1911. Questa riforma pone sotto le dipendenze del Consiglio le scuole elementari dei comuni non capoluoghi di provincia o di circondario. Dice che un comune avrebbe acquisito l'autonomia scolastica solo se avesse saputo tenere il tasso di alfabetizzazione inferiore del 25%.
Vi furono inoltre altre misure per migliorare gli stipendi di maestre e maestri e la loro preparazione nelle scuole normali.
Hai bisogno di aiuto in Pedagogia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Scuola