melaisa di melaisa
Ominide 2160 punti

Comenio- l’importanza delle lingue

Il mezzo per l’insegnamento universale è l’uso della lingua. Quasi tutta l’opera di Comenio affronta la questione dell’insegnamento linguistico. L’opera Janua linguarum resecata (La porta delle lingue disserrata, cioè aperta a tutti) è un vasto repertorio lessicale e fraseologico in latino che tocca tutti gli argomenti, per esempio: De ortu mundi (Il giardino del mondo). De elementis (Gli elementi), De providentia Dei (La provvidenza di Dio), De angelis ( Gli angeli).. Comprende cento titoli e circa mille frasi. L’opera fu ristampata più volte in edizioni poliglotte, quando Comenio era ancora in vita: divenne un vocabolario fraseologico disposto non alfabeticamente, ma per argomenti. Nel corso del tempo uscirono innumerevoli edizioni non autorizzate e 'moltissime imitazioni. Come tale, con note grammaticali, la Janua fu usata fino alla metà del XIX secolo.
Un’altra opera dedicata all’argomento dell’insegnamento delle lingue è Methodus linguarum novissima, che comprende anche una descrizione del metodo da usare Comenio conduce una significativa indagine sulla varietà delle lingue, sulle loro somiglianze e differenze, con particolare riguardo al latino. Cerca di definire le mete, gli intervalli e i gradi del suo insegnamento fornisce consigli sul modo di esporre la terminologia, il lessico, la grammatica, la sintassi. Consiglia la lettura degli autori in lingua originale basandosi su antologie e sugli Adagia di Erasmo da Rotterdam. Un aspetto importante-dei metodo di Comenio è che le parole della lingua che si insegna non sono quasi mai presentate isolate, ma sempre nel contesto di frasi brevi, in modo che il significato appaia in maniera immediata e naturale. Solo in tempi recentissimi la nostra didattica delle lingue si è riappropriata di questo metodo. Le parole, secondo Comenio, possono tradire il loro significato, se non sono collegate tra loro, ed hanno la necessità di essere ricondotte alla realtà delle cose. Comenio afferma che devono essere sempre collegati questi tre elementi:verba, conceptus et res (le parole, il concetto, la cosa). Le parole devono essere insegnate e imparate collegandole alle cose corrispondenti, esattamente come si vende, si compra, si trasporta il vino insieme alla bottiglia, la spada insieme al fodero, il tronco insieme alla corteccia, i frutti insieme alla buccia. Il metodo panglottico di Comenio riconosce che alla molteplicità dei segni linguistici corrisponde I’unità e la semplicità dell’esperienza. Perciò il fondamento non di una sola ma di tutte le lingue va ricondotto alla comune fonte di tutte: l’intuizione. Attraverso questo aggancio sicuro alla realtà, le lingue divengono il riflesso della realtà stessa.
Hai bisogno di aiuto in Pedagogia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email