melaisa di melaisa
Ominide 2160 punti

Maffeo Vegio- il modello educativo

L’opera in cui Maffeo Vegio tratta il tema della formazione dei ragazzi attraverso la cultura cristiana unita con quella degli antichi autori latini è De educatione liberorum et cornili claris moribus libri DI (1445-1448). E un’opera in sei libri: i primi tre sono dedicati all’educazione dei bambini, gli altri trattano argomenti di etica. E uno dei più completi trattati pedagogici dell’età umanistica. Maffeo ha come modello di riferimento costante il De ingenuis mori- bus di Pier Paolo Vergerio; pur riprendendo da lui molte idee, le espone con maggiore ampiezza, con molti riferimenti alla letteratura antica (classica e cristiana) e con vari rimandi a esperienze didattiche del suo tempo.
Ritiene necessario iniziare presto l’azione educativa, senza appesantire troppo i bambini, senza spaventarli con le minacce e senza picchiarli. Attribuisce molta importanza all’educazione scolastica pubblica, purché gli alunni non siano troppo numerosi, in quanto è utile a promuovere lo spirito di emulazione. Raccomanda ai maestri di adeguare il metodo d’insegnamento alla personalità dei singoli allievi e di acquisire un atteggiamento professionale ispirato a una giusta generosità.
Fissa inoltre due regole rivolte agli alunni: che si abituino a parlare solo dopo aver ben riflettuto e che imparino a scrivere prestando attenzione a produrre contenuti significativi e a far aderire la forma al senso del proprio scritto.
Secondo Maffeo Vegio la molteplicità delle discipline non implica che tutte debbano essere approfondite allo stesso modo, tuttavia è importante che gli studenti le conoscano un po’ tutte per trovare la strada più adatta alle attitudini individuali. Inoltre, affrontare più argomenti consente di riposare la mente variando l’oggetto dell’impegno.
Maffeo Vegio propone alcuni metodi che preludono a sperimentazioni didattiche molto attuali come, per esempio, l’insegnamento reciproco, la scuola a squadre, la formazioni di commissioni giudicatrici costituite da alunni. Per definire il suo modello educativo, ricordiamo almeno due punti: 1. la scelta del maestro e 2. l’orientamento.
Maffeo suggerisce di scegliere un ottimo maestro già per il bambino molto piccolo che inizia il suo percorso di istruzione e precisa che non basta che il maestro conosca bene la disciplina che deve insegnare. Un buon maestro deve anche saper trovare la via migliore per spiegarla ed è un’abilità che non tutti hanno. In questa intuizione di Vegio si può individuare un concetto molto attuale: quello della pedagogia intesa come scienza.
2. Per quanto riguarda l’orientamento e la scelta della carriera, secondo Vegio, la più adatta agli spiriti superiori è quella delle lettere e della filosofia ma, siccome non tutti gli ingegni sono uguali, la cosa importante è non buttare via il tempo e comunque fare qualcosa e lavorare. Infatti il lavoro aiuta a combattere ì vizi e consente di vivere la vita onestamente e decorosamente. Suggerisce quindi strade alternative come fare il commerciante, il militare, il prete, il grande mercante o l’agricoltore.
Hai bisogno di aiuto in Pedagogia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email